Notizie | Commenti | E-mail / 16:39
                    






Aldo Broccio: 2010 Annus Horribilis

Scritto da il 31 dicembre 2010, alle 15:21 | archiviato in Agrigento, Cronaca, Cronaca provincia, Provincia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

L’anno che volge al termine può essere considerato, senza dubbio alcuno, uno dei peggiori finora vissuti.

Anche in provincia di Agrigento la crisi internazionale si è fatta sentire in tutta la sua drammaticità e non ha riguardato solo la parte economica, ma anche quella politica e sociale.

La politica, a tutti i livelli, ha mostrato il volto peggiore con vari scandali personali e litigi tra fazioni che da un lato hanno distolto l’attenzione dei cittadini dai problemi veri e dall’altro hanno dimostrato chiaramente scarso interesse verso chi è in difficoltà : pensionati, disoccupati, cassintegrati, precari e giovani.

Il Governo della Regione si è caratterizzato, nei giorni scorsi, approvando la legge per la stabilizzazione dei precari, ma non di tutti, solo di una parte di essi riconducibili a circa 23.000 unità; nessuno però è in condizione di affermare con certezza quale sia realmente il numero dei lavoratori precari in Sicilia.

Il Commissario dello Stato, evidentemente non consultato preventivamente, ha impugnato la legge sulla stabilizzazione per vizi di forma e carenza di fondi . . . sembrerebbe quasi che questi signori vogliano prendere tutti per il . . . naso, i buoni fanno la legge e poi i cattivi la impugnano e se ne assumono responsabilità e improperi, mah !

Le Amministrazioni locali, si barcamenano fra i tanti problemi dovuti alla mancanza di risorse finanziarie, però non mancano sprechi e consulenti; non ci si rende conto che non è più possibile spremere i cittadini con le tariffe dichiarate le più care d’ Italia di rifiuti, acqua, etc., con un servizio sanitario che, malgrado recenti correttivi e razionalizzazioni non riesce ad essere competitivo, perpetuando i viaggi della speranza per chi ha bisogno; con i servizi pubblici le cui carenze sono sotto gli occhi di tutti e siccome non ci manca nulla ecco che non mancano i cambi di casacca ed i rimpasti ad ogni piè sospinto.

La situazione infrastrutturale è ancora da terzo mondo, con una sola opera in costruzione ovvero il raddoppio della S.S. 640, per il resto buio è assoluto.

Che dire poi della sentenza del TAR Lazio che ritarda ancora l’avvio della costruzione del Rigassificatore di Porto Empedocle : in un territorio già martoriato dalla marginalità geografica, dalla carenza atavica di infrastrutture, si perde ancora tempo a discutere e disquisire sul nulla : occorre un grande atto di consapevolezza ed assunzione di responsabilità !

La politica deve iniziare a praticare la buona concertazione con tutte le parti sociali per svegliare, nei limiti del possibile, della legalità e del rispetto dell’ambiente, tutte le forze sane e progettare un percorso virtuoso che possa dare opportunità di lavoro ai nostri giovani, che non hanno mai smesso di emigrare !

La politica deve darsi una regolata, è possibile migliorare le cose riducendo i costi della politica stessa che oggi appaiono esagerati e utili solo per pochi a discapito della collettività !

Credo sia giunto il momento in cui gli agrigentini non possono più limitarsi a “ mormorare “ per le cose che non vanno, occorre che si indignino e che valutino i politici e gli amministratori nel merito, cioè per quello che fanno o che non fanno a beneficio della cittadinanza.

Nessuno può sottrarsi alle proprie responsabilità, ognuno deve fare la propria parte e pretendere che quanti rivestono ruoli politici ed istituzionali si rimbocchino le maniche, non vogliamo più assistenza ma progetti di sviluppo, solo così potremo uscire dalla crisi e riprendere un cammino di speranza per il futuro della nostra terra.

Agrigento, 31 dicembre 2010

Aldo Broccio



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata