Notizie | Commenti | E-mail / 08:21
                    




On.savarino nota su audizione servizio idrico nell’ Agrigentino

Scritto da il 31 gennaio 2018, alle 22:07 | archiviato in Canicattì, Cronaca, IN EVIDENZA. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Oggi, Mercoledì 31 Gennaio – Palermo

La Politica del Fare: Oggi la Commissione che Presiedo ha acceso un faro sulla provincia di Agrigento, trattando il tema delle criticità relative al servizio idrico, la cui gestione è affidata alla società “Girgenti Acque S.p.A”.

Nell’audizione durata circa 4 ore (visibile su www.youtube.com/arswebtv) le associazioni intervenute hanno riferito quanto già emerso anche dalle tante segnalazioni dei cittadini giunte in commissione, e in particolare l’elevato costo delle bollette, nettamente superiore alla media nazionale, il difetto di alcuni contatori che girano a vuoto facendo pagare al consumatore l’aria al costo onerosissimo dell’acqua, l’insufficienza degli impianti di depurazione, le reti colabrodo (più del 55% dell’acqua viene dispersa a causa delle reti colabrodo),  i turni di erogazione dell’acqua lunghi e discontinui.

L’ente preposto al controllo del gestore, cioè l’ATI , ha riferito sia di essere a conoscenze delle inadempienze contrattuali perpetuate dal Girgenti Acque s.p.a., sia di un rapporto fortemente conflittuale e che pertanto stanno valutando l’ipotesi di esperire un’azione legale volta alla rescissione del contratto.

La commissione ha anche trattato dell’inchiesta effettuata dall’editore di Canicattiweb Cesare Sciabarrà presente in audizione, sull’utilizzo dell’acqua del pozzo di contrada Gulfi. Anche l’Arpa, presente in audizione, ha confermato di aver avviato delle indagini su alcuni pozzi dell’Agrigentino, ora oggetto di un’inchiesta giudiziaria.

Presenti anche i Comuni di Agrigento e Canicattì per portare la voce dei territori nelle istituzioni e riferire sui loro rapporti con Girgenti Acque e sullo stato di avanzamento dei progetti insistenti sulle reti dei loro Comuni.

Pare, infatti, che vi sia la possibilità di finanziare il risanamento delle reti agrigentine e gli impianti di depurazione con un finanziamento nel complesso di circa 108 ml di euro. Bisognerà capire, però, la copertura finanziaria per questi progetti e che iter amministrativo seguire per l’affidamento degli appalti, in maniera da assicurare la trasparenza.

Con l’obiettivo di scongiurare eventuali crisi idriche, abbiamo anche affrontato il tema delle sorgenti, non escludendo in futuro un ricorso alla dissalazione. Ad Agrigento esiste un grosso impianto di dissalazione inattivo a differenza di Gela dove l’impianto, sorto alla fine degli anni 70, produce circa 30 milioni di metri cubi d’acqua annui per asservire le popolazioni di Gela Niscemi Licata Palma di Montechiaro Agrigento e fino ad Aragona oltre a far fronte ai fabbisogni, eventuali, delle industrie.

Questo nuovo corso della Politica non ha incrostazioni – conclude il Presidente On. Giusi Savarino – quindi affrontiamo con trasparenza i temi e con la collaborazione ed il contributo di tutte le forze politiche, riusciremo a mettere ordine, giustizia ed equità anche in questa materia così piena di ombre, ad indicare, con una risoluzione, al dipartimento regionale dove operare controlli e come individuare soluzioni, e infine portare in aula un Disegno di Legge di riforma del servizio che vada in suddetta direzione.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “On.savarino nota su audizione servizio idrico nell’ Agrigentino”

  1. Fabio Li calsi ha detto:

    Fabio Li calsi ha detto:
    Il tuo commento è in attesa di moderazione.
    1 febbraio 2018 alle 09:39
    Ho ascoltato tutti…. Alcune cose sono evidenti e dirompenti perché mettono subito in luce gli inestricabili interessi tra comune e Girgenti acque..
    1) Perché la cessione della nostra acqua non è stata contrattualizzata e perché non è stata pagata?
    2) lo stesso gestore ha precisato che i prelievi fatti in altra realtà vengono sempre pagati all ente proprietario della fonte.
    3) non si è approfondita la strana concomitanza al prelievo fatto da contrada Gulfi della chiusura del ripartitore di Madonna della rocca perché l’acqua era marrone.
    Lo stesso gestore ha però ammesso che da contrada gulfi esiste una condotta che porta direttamente al ripartitore di Madonna della rocca e che questa condotta è stata collaudata ed utilizzata onde verificarne la tenuta ( sic!!).
    4)non si approfondita la questione, oggi tristemente assurta agli onori della cronaca politica cittadina con il comunicato stampa del gruppo consiliare che si è defilato dalla maggioranza. In detto comunicato stampa in uno anche alle dimissioni del loro assessore Palermo si contesta al sindaco la scarsa trasparenza nei rapporti con il gestore idrico nell’affaire del pozzo di gulfi e la vicinanza del sindaco e di un suo amico e collaboratore in giunta( un suo assessore) che non sono scevri da patologiche cointeressenze con il gestore per avere avuto parenti e amici assunti da Girgenti acque.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata