Notizie | Commenti | E-mail / 13:04
                    






Quattro studentesse alla scoperta del territorio agrigentino

Scritto da il 7 aprile 2019, alle 06:30 | archiviato in Agrigento, Arte e cultura, Canicattì, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Si rinnova anche quest’anno uno degli appuntamenti più attesi da molti studenti e famiglie delle scuole superiori di secondo grado di Agrigento e provincia. Dal 7 al 14 aprile si svolgerà la “Settimana di scambio” organizzata dai volontari di Intercultura di Agrigento per permettere, a chi desidera farlo, di aprire la propria porta di casa al mondo per un breve periodo di tempo. Sono attese per quella settimana 4 studentesse stranieredi altrettante nazionalità che stanno attualmente trascorrendo il loro anno di studio e di vita con Intercultura in una diversa parte dell’Italia, sempre ospitati su base volontaria da una famiglia locale e frequentando una scuola pubblica, così come qualsiasi adolescente italiano.

“Akragas-Girgenti-Agrigento: Cultura-Natura-Tradizione” questo è il titolo della Settimana di Scambio pensata dai volontari del Centro Locale di Agrigento per permettere a questi giovani che sono doppiamente ambasciatori – del loro Paese natio e della città italiana che li sta ospitando – di conoscere un nuovo volto dell’Italia, un Paese, il nostro, così poliedrico nella cultura, usi, costumi, paesaggi, gastronomia, proposte artistiche da renderlo veramente unico e così ambito nelle scelte degli studenti stranieri.

La tailandese Tanya, la messicana Ximena, la polacca Aleksandra e la rumena Alessandra saranno guidate alla conoscenza del territorio agrigentino non solo dai volontari locali di Intercultura, ma anche da “guide turistiche” molto speciali: i loro coetanei agrigentini che hanno trascorso o trascorreranno un periodo più o meno lungo all’estero con Intercultura.

Nello specifico, il programma della settimana prevede la visita delle città di Agrigento, Favara, Canicattì e Palermo, un’occasione unica per permettere agli studenti di scoprire la varietà della bellezza paesaggistica e artistica della Sicilia.

Una parte importante della Settimana di Scambio sarà dedicata agli incontri organizzati dalle scuole del territorio che dimostrano così di essere sempre in prima linea nel desiderio di proseguire a lunghi passi nel processo di internazionalizzazione, offrendo ai propri studenti la possibilità di conoscere un condensato di culture diverse e di riflettere sull’importante tema delle competenze per una cultura della democrazia.

<<Alla base del progetto educativo di Intercultura  – spiega Anna Maria Riccobene, Presidente del Centro Locale di Agrigento – c’è la consapevolezza che lo scambio studentesco sia lo strumento privilegiato di apprendimento interculturale. La Settimana di Scambio ne moltiplica l’impatto e la portata, perché riesce ad avvicinare e a coinvolgere un numero sempre maggiore di famiglie e scuole del territorio interessate a “non guardarsi più l’ombelico” ma a sviluppare conoscenze e strumenti che li aiutino a vivere in un mondo sempre più connesso e globalizzato>>.

Gli incontri nelle scuole si dipaneranno attraverso numerose attività e si terranno:

  1. Il 10 aprile al Liceo “Leonardo” di Agrigento, organizzate dalla prof.ssa Dina Cutaia;
  2. L’11 aprile al Liceo “M. L. King” di Favara, organizzate dalla prof.ssa Maria Di Sciacca;
  3. Il 12 aprile al Liceo “U. Foscolo” di Canicattì, organizzate dalla prof.ssa Nicolina Marchese.

Unico comun denominatore di tutti questi appuntamenti, oltre alla conoscenza e il confronto con gli studenti provenienti da altre parti del mondo saranno le attività di educazione interculturale in cui il gruppo classe sarà invitato, interagendo con i giovani ospiti, per riflettere su tematiche globali legate alla sfera dei VALORI (valorizzare gli altri esseri umani, la diversità culturale, la democrazia, la giustizia, l’equità), degli ATTEGGIAMENTI (rispetto, tolleranza dell’ambiguità, apertura all’alterità culturale), delle ABILITA’ (pensiero critico, cooperazione, competenze linguistiche, comunicative e plurilingue, ascolto e osservazione, empatia) e delle CONOSCENZE E COMPRENSIONI CRITICHE di se stessi delle proprie e delle altre culture, del mondo.

<<E’ sempre emozionante vedere gli studenti, italiani e stranieri, riflettere su queste tematiche così importanti e attuali – conclude Anna Maria Riccobene– perché sono un buon esempio di che cosa si può imparare quando ci si confronta con l’“altro” in un contesto attento alle diversità culturali. Le “cose” che si imparano sono tante: noi abbiamo scelto di concentrarci su alcuni degli ambiti di quelle che il Consiglio d’Europa ha definito “Competenze per una cultura della democrazia”: un modello che descrive i valori, gli atteggiamenti, le abilità e le conoscenze utili a “vivere insieme in condizioni di parità in società democratiche culturalmente diverse”. Quali la nostra. Se guardiamo al mondo di oggi, infatti, è importante cercare di cogliere quelle occasioni che ci consentono di sviluppare certe caratteristiche, in termine di capacità e competenze utili a diventare cittadini aperti al mondo. “La mobilità internazionale basata su un progetto educativo di questo tipo può essere un’occasione da cogliere, un’occasione che mette le ali, in tutti i sensi”.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata