Notizie | Commenti | E-mail / 06:57
                    








Racalmuto, Fondazione Sciascia: polemiche su carte scrittore

Scritto da il 29 maggio 2019, alle 06:48 | archiviato in Costume e società, Cronaca, Racalmuto. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Nel trentennale della scomparsa di Leonardo Sciascia la fondazione intestata allo scrittore di Racalmuto è attraversata da fibrillazioni e polemiche. In discussione c’è il modo in cui viene gestito l’archivio, con le lettere e le carte di Sciascia che dopo tanto tempo sono ancora in fase di catalogazione.

Ma si discute anche, con divisioni che lacerano rapporti personali, sulla funzione della fondazione come centro di attività culturali. I contrasti, tenuti sotto traccia, sono stati innescati da un cavillo giuridico quando si è scoperto, dopo cinque anni, che la nomina del giornalista Felice Cavallaro nel 2015 come componente del consiglio di amministrazione della fondazione non era stata perfezionata. Il cda lo ha così tenuto fuori provocando reazioni garbate nella forma ma piccate nella sostanza. Cavallaro, giornalista del Corriere della Sera, è anche il promotore delle “Strade degli scrittori” e l’ideatore di convegni su temi legati alla figura e all’opera di Sciascia (all’ultimo sul caso Moro ha partecipato poco prima della morte anche Massimo Bordin di Radio radicale).

Cavallaro si è impegnato perchè la fondazione aprisse le porte agli ambienti culturali, alle università e alle scuole, in linea con la visione stessa dello scrittore che auspicava lo studio delle sue carte da parte dei giovani. Tra quei documenti ci sono, tra l’altro, le corrispondenze con altri scrittori come Italo Calvino, Elio Vittorini, Pier Paolo Pasolini.

Il progetto di Cavallaro ha però dovuto fare i conti sia con il ritardo nella catalogazione, ferma alla lettera M, delle carte di Sciascia che la famiglia considera solo “in deposito”, sia con l’accusa velata di un “attivismo invasivo”.

Il caso ha suscitato varie reazioni, tra cui quella del sindaco Vincenzo Maniglia.

Nello scambio di polemiche è intervenuto per ultimo lo stesso Cavallaro il quale considera un pretesto il difetto formale sulla sua nomina, adottata dal consiglio comunale all’unanimità, e si dichiara oggetto di un “insolente schiaffo”.

“L’amaro epilogo di una delibera senza bollo – ha scritto – mi fa pensare a una contrapposizione che qualcuno vorrebbe strumentalmente spazzare via con una inedita forma di spoil system”.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata