Notizie | Commenti | E-mail / 23:32
                    








Tradizioni, la Primavera Narese e la Sagra del Mandorlo a Naro

Scritto da il 17 febbraio 2020, alle 07:06 | archiviato in Arte e cultura, Costume e società, Cronaca, Naro, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

La Sagra del Mandorlo fiorito nacque, promossa dal locale dopolavoro, come una forma di svago, per iniziativa di menti poetiche e fantasiose, a Naro ed ivi celebrata per la prima volta il 27 febbraio 1938, con il naturale e suggestivo scenario della Valle del Paradiso, candida di mandorli fioriti.

Da principio fu veramente una festa legata all’ambiente, cioè una Sagra che riecheggiava il mito di Proserpina, con il ricordo dei tempi pagani, quando si celebravano la vita, la morte e l’avvicendarsi delle stagioni.

Sfilavano così per le vie di Naro carretti ricolmi di fiori e belle donne in ricchi costumi, ballerini e suonatori di magarruna, di friscaletti e di bumbuliddi, non solo di Naro, ma pure dei paesi limitrofi: Aragona, Canicattì, Sciacca e di altri comuni della Provincia.

Chi avrebbe immaginato che la Manifestazione del Mandorlo fiorito avrebbe cambiato dopo il trasferimento ad Agrigento, per volontà politica o per fattori logistici, con il passare degli anni il proprio aspetto di Sagra, cioè di Festa paesana, assurgendo a festa provinciale, che ha dato alla Manifestazione un’impronta prima nazionale e poi internazionale.

Finirono i carri, cambiò lo spirito delle festa agricola.La Sagra divenne una sfilata di folklore internazionale, perché si invitarono altre compagini d’oltre Alpe, dell’Europa e del mondo per glorificare la Primavera.

Della Sagra nata a Naro, rimane solo la ferace Valle del Paradiso, coperta da bianchi fiori di mandorli, mentre per il resto è diventata il simbolo della pace, dell’amicizia tra i popoli.

Da diversi anni nella Fulgentissima Naro, per ricordare e continuare la tradizione della 1ª Sagra celebra la fioritura del Mandorlo si celebra con il nome di PRIMAVERA NARESE.

La manifestazione da un lato ripropone la Sagra paesana, caratteristica della passata tradizione, con l’esibizione di gruppi locali nei loro costumi tradizionali, dall’altra l’inserimento di elementi nuovi, quali la partecipazione delle scolaresche e di gruppi popolari stranieri, che danno un’impronta cosmopolita e meno raccolta.

Alla caratteristica ed interessante manifestazione partecipano, pertanto, numerosi gruppi popolari stranieri, oltre a diversi gruppi locali nei costumi tradizionali, con carri e carretti riccamente addobbati in ricordo di un folklore che scompare.

Una simpatica e significativa tradizione della Sagra di Naro è l’elezione di Miss Primavera Narese, con l’assegnazione del trofeo AUREA FENICE, alla più bella ragazza partecipante alla manifestazione, per rivivere, in questo modo, il mito di Proserpina, simbolo della Primavera.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata