Notizie | Commenti | E-mail / 03:36
                    








Giuseppe Fiolo è stato riconfermato all’unanimità coordinatore regionale di Legacoopsociali Sicilia

Scritto da il 25 novembre 2021, alle 06:08 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Giuseppe Fiolo è stato riconfermato all’unanimità coordinatore regionale di Legacoopsociali Sicilia, l’associazione che all’interno della Lega delle Coooperative riunisce le realtà operanti nei servizi sociali e nel Terzo settore. L’elezione è avvenuta oggi, 16 novembre, al termine dei lavori del quinto congresso regionale, che si è svolto a Palermo, nella Sala delle Capriate di Palazzo Steri. L’assemblea congressuale, presieduta da Serena Citrolo presidente della coop “Solidarietà” di Palermo, ha anche eletto i 25 componenti la direzione regionale in rappresentanza delle oltre trecento coop sociali aderenti a Legacoop (in Sicilia sono in tutto un migliaio).

I lavori sono iniziati con una tavola rotonda sul tema “La co-progettazione come strumento di sviluppo e prossimità” aperta dall’intervento del presidente di Legacoop Sicilia, Filippo Parrino.

Numerosi gli spunti di riflessione emersi, primo fra tutti la necessità del coinvolgimento attivo da parte della Pubblica Amministrazione degli enti del terzo settore. «Bisogna partire dalla co-progettazione per andare verso un sistema innovativo e condiviso che orienti e guidi la rete dei servizi e degli interventi di politica sociale in Sicilia che superi la frammentazione, la sovrapposizione e la dispersione delle risorse, coniugando lo sviluppo specifico dei territori con i diritti delle persone», ha detto Giuseppe Fiolo, che nella sua relazione ha ricordato come proprio nel Codice del Terzo Settore si faccia preciso riferimento al coinvolgimento attivo degli enti di terzo settore da parte di tutte le PA. Cosa facile a dirsi, ma molto più difficile a farsi. E non solo in Sicilia. «Problemi analoghi si vivono anche nel resto d’Italia – ha osservato il presidente nazionale di Legacoopsociali, Eleonora Vanni – dove, ad esclusione di certe aree metropolitane all’avanguardia, a fronte di un fabbisogno elevato i servizi assistenziali e di cura della persona non riescono a essere pienamente soddisfatti». Il motivo? Alle procedure complesse si aggiunge spesso un atteggiamento negativo della pubblica amministrazione che vede le coop sociali più come come controparti che come interlocutori.

Tra le problematiche discusse durante la tavola rotonda la necessità per superare la logica degli appalti optando per il sistema dell’accreditamento e la necessità di trovare un metodo per salvare le coop sociali dalla “morte per crediti” che è uno dei rischi maggiori che si corrono nel Mezzogiorno. È proprio nel Sud Italia che le amministrazioni comunali in crisi non riescono ad onorare i debiti nei confronti delle coop sociali a cui hanno affidato servizi essenziali a sostegno dei soggetti più fragili.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata