Notizie | Commenti | E-mail / 11:37
                    








“Lavoratori sfruttati nelle campagne tra Agrigento e Caltanissetta”: 10 arresti

Scritto da il 23 settembre 2022, alle 11:03 | archiviato in Agrigento, Caltanissetta, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Caporalato e lavoro nero: la polizia di Stato ha eseguito dieci misure cautelari, richieste dalla procura della Repubblica di Caltanissetta. Il provvedimento e’ scattato nei confronti di alcuni cittadini stranieri gravemente indiziati di appartenere a una clan criminale che reclutava manodopera straniera, in larga parte di nazionalita’ marocchina, da destinare al lavoro nelle campagne limitrofe al capoluogo nisseno in condizioni di sfruttamento. Applicate due custodie cautelari in carcere e otto agli arresti domiciliari. Un quadro indiziario “grave” che coinvolte anche alcuni proprietari terrieri e imprenditori agricoli della provincia nissena e agrigentina cui viene contestato il reato di “intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”.

Gli imprenditori agricoli avrebbero utilizzato, assunto o impiegato la manodopera straniera reclutata dalla presunta organizzazione criminale, sottoponendo i lavoratori a “condizioni di lavoro lesive della dignita’, della sicurezza e della salute, approfittando dello stato di bisogno in cui i lavoratori versano. Nel corso delle indagini della Digos e’ emerso che gli stranieri reclutati avrebbero percepito per una media di 8/9 ore di lavoro giornaliero un salario che si aggirava tra i 30/35 euro per ogni giornata lavorativa, ulteriormente decurtato di circa 5/10 euro per le tasse giornaliere che sarebbero state imposte dagli autisti membri della presunta organizzazione criminale per le spese di trasporto dei lavoratori presso le aziende agricole e per la manutenzione dei mezzi utilizzati per svolgere tale attivita’.

Documentate dunque, retribuzioni nettamente inferiori a quelle previste dai contratti collettivi, e comunque sproporzionato al monte ore giornaliero lavorato; turni di durata superiore a quella consentita, negazione di ogni diritto in materia di malattia, riposo settimanale e ferie; violazione della normativa in materia di sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro, anche per quanto attiene ai controlli sanitari su conducenti dei camion e alla revisione dei mezzi di trasporto; sottoposizione a metodi di sorveglianza. I lavoratori non avrebbero utilizzato quasi mai dispositivi di protezione individuale; spesso sarebbero stati costretti a lavorare anche la domenica; sarebbero stati controllati durante la giornata dal capo dell’organizzazione, dai complici o dai proprietari terrieri, con la minaccia di non essere piu’ impiegati qualora non avessero svolto bene il lavoro di volta in volta assegnatogli. Sono diversi gli episodi registrati in cui alcuni operai, nonostante avessero manifestato malesseri o impellenti necessita’ familiari durante la giornata lavorativa, sarebbero stati costretti a rimanere sul luogo di lavoro fino alla fine della giornata e a riprendere l’attivita’, pena la perdita di ogni futura opportunita’ lavorativa.





   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.




Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata