Notizie | Commenti | E-mail / 20:28
                    






Canicattì, occupate tre scuole superiori

Scritto da il 30 novembre 2010, alle 08:00 | archiviato in Canicattì, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Stato di agitazione anche negli istituti scolastici canicattinesi. Ieri mattino, gli studenti dell’Istituto tecnico commerciale “Galilei” insieme ai colleghi dei licei , classico e scientifico, hanno occupato le scuole per dire no alla riforma Gelmini. Non si ferma dunque la protesta degli studenti agrigentini contro la riforma della scuola voluta dal ministro Maria Stella Gelmini. In diversi casi gli studenti hanno votato per l’occupazione, così come è successo anche nelle università siciliane.

Anche a Canicattì gli alunni protestano contro un provvedimento firmato dal ministro Gelmini: il ddl per la riforma degli atenei. Gli studenti canicattinesi non solo contestano i contenuti della riforma Gelmini ma anche le carenze strutturali e di servizi delle loro scuole. Oggi inoltre, i rappresentanti degli istituiti che hanno iniziato la protesta si riuniranno in assemblea per concordare forme di protesta aggiuntive come ad esempio una manifestazione in piazza. Al momento la situazione nelle scuole canicattinesi non è particolarmente turbolenta.

I ragazzi sperano di coinvolgere un fronte sempre più largo di insegnanti, genitori, personale ausiliario e alunni per manifestare contro una riforma, che a loro avviso, non contiene alcun elemento certo. A Canicattì, gli alunni dei tre istituti, vogliono attivarsi per far conoscere linee e punti deboli di una riforma scolastica che “non s’ha da fare”, come sostengono a gran voce migliaia di studenti in tutt’Italia. Nei prossimi giorni si valuterà se svolgere le lezioni nelle quinte classi, forse con orari ridotti.” Oltre a manifestare contro la riforma Gelmini – spiega Giuseppe Cambiano, studente dell’Itc Galilei – vogliamo attirare l’attenzione sulle gravi carenze di alcune scuole di Canicattì. Per fortuna il nostro istituto è all’avanguardia ma non si può dire la stessa cosa di scuole come il professionale e l’agrario che versano in pessime condizioni.”I ragazzi si sono organizzati in modo tale che la scuola resti sempre presidiata 24 ore su 24. Nei prossimi giorni anche altri istituti di Canicattì potrebbero decidere di mettere in atto l’occupazione come forma di protesta.

Secondo gli studenti il ddl “trasforma le nostre università in aziende, privatizza i nostri consigli di amministrazione, trasforma il diritto allo studio in un debito da contrarre con le banche. Una riforma che riporta il livello di istruzione universitario ad essere un bene di lusso – denunciano gli studenti – non accessibile se non a chi è in condizioni economiche agiate per studiare in pochi atenei di eccellenza”



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata