Notizie | Commenti | E-mail / 22:20
                    




Cannatello, strage di cani: uccisi con cornetti pieni di veleno e cocci di vetro (Video)

Scritto da il 3 gennaio 2012, alle 06:49 | archiviato in Agrigento, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Cinque cani sono stati avvelenati tra i quartieri di Cannatello e Zingarello. Gli animali sarebbero stati uccisi con delle esche contenenti veleno e cocci di vetro. La scoperta è stata fatta la sera del primo dell’anno dai poliziotti della sezione Volanti.

L’associazione Animalista Aronne intende denunciare l’ennesimo atto di efferata crudeltà praticato a danno di indifesi e innocenti cani randagi,brutalmente avvelenati e lasciati morire tra atroci sofferenze,tra l’indifferenza di molti in Viale Cannatello (la notte di Capodanno).E’ chiaro che tali gesti trovano complicità nell’omertà di chi ha paura di condannarli e nel rifiuto alla creazione di una cultura del territorio che identifichi il cane soggetto di diritto.
E’ difficile esprimere tutto il rancore e il dolore che noi proviamo in queste circostanze. Ma ci consoliamo nello sperare che questo comunicato assuma una significazione più ampia nell’esprimere il pensiero di tutti coloro i quali,animalisti e non, si identificano in valori di umanità e rispetto.
Speriamo vivamente che il colpevole intollerante,vigliacco e incapace di porsi in rapporto critico con le proprie paure,possa essere scoperto e punito. Ma nutriamo oltremodo la speranza che tutte le problematiche connesse al randagismo possano finalmente essere affrontate anche istituzionalmente. Quindi la battaglia di civiltà che noi abbiamo intrapreso possa essere portata su un livello diverso da quello del puro volontariato che allo stato attuale della realtà agrigentina ha surrogato tutti gli obblighi e i doveri che appartengono alle istituzione.

Immagine anteprima YouTube



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



10 Risposte per “Cannatello, strage di cani: uccisi con cornetti pieni di veleno e cocci di vetro (Video)”

  1. Giuseppe ha detto:

    Le bestie sono coloro che fanno queste cose!! Vi auguro di patire le stesse sofferenze di quelle povere anime. Ma avete mai guardato negli occhi un cane?

  2. Salvo ha detto:

    Chi ha fatto questo gesto non è una persona ma un animale ed i cani che hanno subito tutto ciò sono i loro padroni, se c’è una giustizia divina (visto che non abbiamo una terrena) spero che la persona o le persone che hanno fatto questo possano essere raggiunti dal male peggiore che tutt’oggi colpisce l’uomo, magari gli venga alla testa così le sofferenze siano maggiori e nel tempo.
    Se hanno il coraggio di mostrarsi e sapere chi sono, si facciano avanti magari lascino una e-mail li contatterò, ma sono certo che non lo faranno perchè fondamentalmente sono dei vigliacchi, senza dignità.

  3. caterina ha detto:

    Purtroppo lo stato italiano non tutela i poveri animali e le ” bestie” assassine se ne aprofittano , sanno che rischiano poco o niente

  4. patrizia ha detto:

    E’ molto difficile rispettare la netiquette commentando simili notizie quindi, non potendo esprimere adeguatamente ciò che penso, mi limito ad associarmi all’augurio di Giuseppe, che mi ha preceduto nel commento, sperando vivamente che presto chi ha commesso questo efferato e vergognoso atto possa essere scoperto e punito come merita

  5. margherita ha detto:

    Questo individuo che si sporcato le mani con gesto cosi brutale e immaginario, dovrebbe patire le sofferenze pi

  6. giovanna ha detto:

    le parole non servono, anche se ne vogliamo trovare di toccanti!
    chi fa questo e’ sordo, muto, cieco ma soprattutto e’ un senzadio e merita
    di peggio di quello che ha fatto passare a queste povere stelle.

  7. kikkolo ha detto:

    …è strano dover leggere una notizia di questo tipo e rendersi conto che un fatto così grave e atroce sia successo in una città che ha nel proprio nome gli elementi principali fra gli amici dell’uomo…Cani e catti. Certamente chi ha compiuto questo gesto crudele ed infame non appartiene alla città, altrimenti non avrebbe calpestato in questo modo la vita di questi amici a quattro zampe che hanno solo avuto la sfortuna di non avere qualcuno che li nutre e li protegge. E non per loro colpa!! Chi ha compiuto questo atto infame e vigliacco può essere solo accomunato agli aguzzini che prestavano il loro servizio nei lager nazisti e che provavano piacere nelle sofferenze e nel dolore di poveri esseri indifesi. Vergogna…vergogna…vergogna…e che il giudizio finale, quello divino, possa in quel momento ricordarsi di questi atti vili compiuti da te o da voi e possa dare la giusta punizione alla pari del dolore inflitto a questi poveri cani.

  8. sonia ha detto:

    i veri animali sono gli uomini k compiono queste barbarie, gli farei fare la stessa fine maledetti

  9. Eleonora ha detto:

    Triste sentire queste cose ma ancora più triste rendersi conto che dalle nostre parti vengono ancora tollerate o, peggio, considerate mali minori.

  10. NeradAvola ha detto:

    X Kikkolo
    La strage di cani non è successa a Canicattì, ma in un’altro comune.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata