Notizie | Commenti | E-mail / 13:12
                    






Salute, Ebola: Un portavoce dell’OMS “Ci possono essere casi isolati in Europa”

Scritto da il 30 giugno 2014, alle 06:33 | archiviato in Eventi, Salute. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

provette_analisi_NPer la ONG Medici Senza Frontiere, l’epidemia del temibile virus è “fuori controllo”. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha risposto alle sollecitazioni chiedendo ai tre paesi colpiti dal virus Ebola di adottare misure drastiche per contenere la malattia.Dall’inizio di gennaio, infatti, quasi 350 persone sono morte di febbre emorragica in Sierra Leone, Guinea e Liberia, ma si teme una “diffusione internazionale”. Un’emittente francese “Europe 1” ha chiesto a Daniel Epstein, un portavoce dell’OMS, cosa può accadere con il virus. Un’intervista che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ritiene utile riportare in via integrale per informare l’opinione pubblica e far comprendere in Italia alle autorità sanitarie a partire dal Ministero della Salute, di farsi portavoce presso quelle internazionali al fine di evitare che da epidemia si trasformi in una terrificante pandemia.

“Come si è arrivati a una tale perdita di controllo di una malattia altamente mortale come l’Ebola?

Daniel Epstein: “Condividiamo la preoccupazione di MSF per l’epidemia presente in almeno tre paesi diversi e oltre i confini. Ha fatto il suo ingresso nelle aree urbane.I tentativi di controllare la malattia, ci vuole un grande impegno per comunicare nelle zone rurali, dove ci sono state le principali vittime della malattia. Ed è molto difficile entrare in questi luoghi molto tradizionali in cui la gente non ascolta le persone che vengono da fuori. Cambiare pratiche che promuovano la diffusione di Ebola, come funerali o altri riti sociali, è quasi impossibile.Tra le persone che “resistono” anche i medici locali che si vanno ad informare ed educare su l’Ebola. Abbiamo visto, in alcuni casi, gli abitanti lanciano pietre contro le persone che vengono loro incontro.Nelle zone rurali, trovare la persona malata, trovare la sua famiglia e tutti coloro che sono stati in contatto con essa è particolarmente complicato. Anche in Francia, sarebbe difficile trovare in mezzo a così tante persone in movimento, viaggiano e che si muovono liberamente da un villaggio all’altro.Il coordinamento tra i tre ministeri della sanità dei paesi colpiti è anche in fase di stallo. Quindi, inviare e utilizzare dispositivi di protezione individuali non è facile. Ma oggi, i paesi si rendono conto che devono lavorare insieme. Si incontreranno ad Accra, in Ghana nel mese di luglio.

L’epidemia può diffondersi ad altri paesi o in Europa o in Francia?

E ‘possibile. Non si può mai prevedere nulla in un’epidemia. Le persone viaggiano e portano l’epidemia in altri paesi.

Dovremmo essere preoccupati in Europa?

Dubito che ci sia una grande epidemia di Ebola in Africa. Ci potrebbero essere casi isolati di persone che hanno viaggiato prima della comparsa dei sintomi. Un viaggiatore malato capitato in Europa non infetta centinaia di persone, come può fare l’influenza. Si ricordi che richiede un contatto molto stretto per prendere il virus, il contatto con i fluidi di sangue, il corpo dei pazienti. L’Ebola si trasmette sessualmente.

Le autorità sanitarie europee sono in grado di gestire i casi di Ebola?

Non credo che una tale situazione creerebbe una epidemia. La malattia, quando è in fase avanzata, è molto grave, con la comparsa di febbre emorragica, quasi inarrestabile. Si possono alleviare le sofferenze del paziente, ma non esiste un vaccino o un farmaco specifico.

Nei paesi europei, le cure, anche ottime non garantirebbero la sopravvivenza del paziente. Ma l’epidemia in corso in Africa sicuramente non raggiunge uno stadio avanzato. In Sierra Leone, Guinea e Liberia, Ebola si trasmette all’interno degli stessi centri sanitari, ospedali, cliniche. In tutti e tre i paesi, i medici non hanno dispositivi di protezione abbastanza efficaci e potrebbero aver contratto la malattia ed i pazienti che curano.

Con i metodi di controllo delle infezioni ospedaliere moderne, tra cui mettere il paziente in quarantena, si potrebbero limitare i casi di trasmissione “.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata