Notizie | Commenti | E-mail / 15:16
                    






Sanità: l’ASP replica al CIMO, il sindacato dei medici

Scritto da il 18 luglio 2017, alle 13:43 | archiviato in Agrigento, Caltanissetta, Camastra, Campobello Di Licata, Canicattì, Castrofilippo, Cronaca, cronaca sicilia, Delia, Favara, Grotte, Lampedusa, Licata, Naro, Palma di Montechiaro, Porto Empedocle, Racalmuto, Ravanusa, Sommatino. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo la replica da parte dell’ ASP all’articolo del CIMO ( sindacato medici) pubblicato su codesta testata

Replica (ai sensi dell’art. 8 della legge sulla stampa 47/1948) all’articolo: “È guerra tra CIMO e ASP di Agrigento sulla sicurezza nei luoghi di lavoro: Cosa nasconde l’ASP di Agrigento?”

In riscontro all’articolo richiamato in oggetto (pubblicato su Canicatti Web Notizie il 16 luglio 2017, alle 06:52) la Direzione Generale dell’Asp di Agrigento intende esprimere le considerazioni di seguito riportate da far valere, ai sensi dell’art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, quale diritto di replica ai contenuti presenti nel medesimo articolo giornalistico:

Il confronto e la collaborazione sinergica con le organizzazioni sindacali sono concepiti dalla Direzione strategica dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento come valori inderogabili su cui imperniare la costante ricerca di migliorie per la qualità dell’offerta sanitaria. In questa prospettiva, e a differenza di quanto sostenuto dalla Segreteria regionale del CIMO, il sindacato dei medici, nessuna prerogativa sindacale è misconosciuta o rinnegata dall’Asp di Agrigento. Fra queste, ovviamente, anche la possibilità di poter fornire dei rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori (RLS) secondo quanto stabilito dal decreto legislativo 81 del 2008. Contrariamente da quanto sostenuto dal CIMO tuttavia l’individuazione delle figure di riferimento non è oggetto di una designazione diretta di parte sindacale ma scaturisce da una procedura elettiva, secondo peraltro un chiaro parere in merito, richiesto dall’Asp, espresso dall’ARAN lo scorso 15 marzo.

La presenza del sindacato nel luogo di lavoro è garantita, presso l’Asp di Agrigento, non da una Rappresentanza Sindacale Aziendale (RSA) ma dalla RSU, cioè dalla Rappresentanza Sindacale Unitaria che, a differenza della RSA, è composta da membri eletti dai lavoratori e non nominati direttamente dall’organizzazione sindacale. Anche l’individuazione dei rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori avviene nell’ambito della RSU i cui componenti, come sancito da un recente pronunciamento del Giudice del lavoro del Tribunale di Agrigento, “subentrano” ai dirigenti delle RSA nella titolarità di diritti e tutele. “Sotto questo profilo e nel rispetto della normativa – afferma il Direttore generale Asp, Salvatore Lucio Ficarra – una referente del CIMO non può definirsi e autoqualificarsi come rappresentante per la sicurezza dei lavoratori.

In mancanza di questo riconoscimento alla referente CIMO non può essere fornito il cosiddetto DVR ossia il documento di valutazione dei rischi, un elaborato non certo segreto ma la cui valutazione, per competenza, è affidata ai soli RLS. Il ‘diniego’ sostenuto dal funzionario competente ex L.241/90 non discende da un’interpretazione della norma ma dall’applicazione pedissequa della stessa che abilita all’accesso al DVR solo i soggetti individuati dall’articolo 18 del T.U. 81/08. Dettaglio, questo, che sia il CIMO che la dipendente autoproclamatasi RLS dovrebbero conoscere. Ancora a differenza di quanto sostiene il CIMO – continua Ficarra – la responsabilità del Servizio di prevenzione e protezione è affidata, a seguito di selezione pubblica, a personale qualificato dotato di adeguata e comprovata esperienza in altra Asp per un periodo di oltre dieci anni. In questo ambito, nel recente passato e dopo la nomina dell’attuale responsabile, abbiamo ricevuto, valutato e respinto una proposta di consulenza da parte di un ex dipendente Asp, in palese conflitto d’interessi con l’Azienda, poiché questa amministrazione, visti i precedenti dello stesso e l’attuale pendenza di un contenzioso promosso cotro l’Asp, ha ritenuto inappropriato ed inopportuno accettare la suddetta consulenza ancorchè il dipendente sia stato poi assolto per i reati contestatigli. Infine – conclude il Direttore generale Asp – vorrei precisare che questa amministrazione è ben lieta che il CIMO stia valutando l’opportunità di adire alle vie legali poiché ciò consentirebbe all’Asp di Agrigento di poter fare ulteriore chiarezza sui comportamenti di ciascuno”.

 

L’addetto stampa
Dott. Angelo Cinquemani

Il Direttore generale
Dott. Salvatore Lucio Ficarra



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata