Notizie | Commenti | E-mail / 22:52
                    




Canicattì: quando la politica si avvale della facoltà di non rispondere…

Scritto da il 11 settembre 2018, alle 08:27 | archiviato in #Esclusiva, IN EVIDENZA, Politica, Politica Canicattì. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Avete presente la pubblicità dell’acqua Lete, quando una particella di sodio gridando a squarcia gola chiede: “ c’è qualcuno?” Bene, vogliamo prendere in prestito questa straordinaria formula pubblicitaria per girare la domanda alla politica canicattinese, o meglio a ciò che dovrebbe rappresentare la politica canicattinese, cioè il consiglio comunale. Prendo in prestito la precisa definizione di quello che è il ruolo del consiglio comunale : Al  Consiglio  spetta interpretare gli interessi generali della Comunità  e di orientare ad essi la propria azione. Adesso la domanda è questa: state interpretando gli interessi della comunità canicattinese? State ponendo azioni in questa direzione? Faccio queste domande senza alcuna polemica. Conosco personalmente quasi l’intero consiglio comunale e non riesco a spiegarmi perché , persone che singolarmente sono esempio di preparazione, professionalità e successo nei loro più disparati lavori e professioni, non riescano ad essere altrettanto produttivi nel ruolo che centinaia di cittadini hanno loro demandato. L’assordante silenzio politico, la totale assenza di forme di costruttiva opposizione, la seria e concreta presa di posizione su argomenti di cui abbiamo spesso e non volentieri parlato è ciò che si percepisce, se si vuole usare un dolce eufemismo. L’esecutivo? Non abbiamo tempo da perdere ,andiamo avanti….

E allora iniziamo con l’analizzare questo assordante silenzio partendo da mere dicerie da bar. “Stanno li  per lo stipendio” Falso, una totale falsità confermata da ridicolo compenso che viene corrisposto ad ognuno di loro, parliamo di poche centinaia di euro al mese, quando va bene. Non posso pensare, che ci siano persone disposte a tradire il proprio mandato per poche centinaia di euro. “Stanno lì per interessi personali”. Falso. Ci si riferisce a favori di piccolo cabotaggio che non credo possano valere il costo che tale comportamento sta facendo pagare all’intera collettività. “ “Stanno lì perché aspettano che il loro padrone politico gli dica cosa fare” Falso, mi pare impossibile che un canicattinese che ama la propria città su disposizione di un signore che non sa neanche dove si trova Canicattì, possa in tal modo agire. E allora a cosa è dovuto questo assordante silenzio? Alcuni vociferano che si sta in attesa di un rimpasto, per potere partecipare all’asta delle vacche, e magari potere soddisfare qualche personale schiribicchio ( non chiedetemi cosa significa….. fate voi). Per la serie : cambiare tutto per non cambiare nulla? ( non mi è nuova questa frase) E allora questo silenzio mi riporta nell’acqua, non quella minerale della particella di sodio, ma nelle acque dove affondò il Titanic. Il silenzio che seguì l’affondamento della nave. Lo stesso silenzio che accompagnò Di Caprio, protagonista del film in fondo all’oceano. Una città dove non si parla più di politica, dove non si parla di idee, di visioni, di prospettive, di relazioni, perché troppo indaffarata a denunciare topi, buche, cani randagi, e tutto quanto è normalmente appannaggio di una normale routine amministrativa, non ha orizzonte a cui guardare. In tutto questo la comunità è impotente, perché le regole della democrazia demandano alla politica e ai loro rappresentanti le decisioni. Non ci sono manifestazioni che tengono, non ci sono sfoghi sui social che possono servire da soluzione. L’unica speranza è che ogni singolo consigliere finito di guardare Titanic, guardi “ gli ammutinati del Bounty” chissà che non scatti qualcosa anche in loro come accadde all’equipaggio del capitano Bligh .

Cesare Sciabarrà



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata