Notizie | Commenti | E-mail / 09:54
                    








In Sicilia primo prelievo di organi in una struttura privata

Scritto da il 12 giugno 2022, alle 06:34 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Salute. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Per la prima volta in Sicilia, per volontà di una giovane paziente, è avvenuta una donazione di organi in una struttura sanitaria privata, l’”Humanitas Istituto Clinico Catanese”. La donatrice, ricoverata presso l’istituto etneo, aveva espresso la volontà di fare il dono prezioso dei suoi organi. Grazie alla sua ferma convinzione, che ha messo in moto l’organizzazione della rete regionale trapiantologica, il suo cuore, il fegato e i reni hanno salvato quattro malati siciliani in lista d’attesa.
Il prelievo multiorgano è stato eseguito presso una delle sale operatorie di Humanitas dall’equipe dell’unità operativa di Anestesia e Rianimazione diretta da Adolfo Tomarchio, assistito da cinque infermieri, dal coordinatore per i trapianti dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico “Gaspare Rodolico – San Marco” di Catania, Alessandro Conti, e dai chirurghi dei centri trapianto regionali.
“L’intervento è stato svolto tempestivamente – afferma Tomarchio – a garanzia di una migliore aspettativa di vita del paziente ricevente. Una procedura eseguita con successo grazie alla rete e alla collaborazione tra strutture sanitarie”.
Il Coordinatore Regionale del CRT Sicilia, Giorgio Battaglia, aggiunge: “Questa donazione di organi è particolarmente preziosa per due ragioni. Innanzitutto per la grande convinzione mostrata dalla donatrice che testimonia l’importanza della sensibilizzazione alla cultura della donazione per favorire una maggiore consapevolezza, e perchè conferma la grande capacità di collaborazione tra pubblico e privato per garantire il funzionamento del nostro servizio sanitario. Esprimo la mia vicinanza alla famiglia della donatrice – conclude Battaglia – e il mio ringraziamento a tutto il personale sanitario impegnato in quest’attività”.
“Si tratta certamente di un risultato brillante – sottolinea Alessandro Conti – reso possibile dalla ferma volontà di donazione espressa in vita dalla paziente e dalla felice intuizione dei medici del reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Humanitas. Gli eccellenti servizi della struttura e il know how del personale medico e infermieristico hanno poi consentito lo svolgimento fluido dell’intero processo in tempi relativamente rapidi”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata