Notizie | Commenti | E-mail / 16:38
                    








In Sicilia 4 mila pazienti in dialisi in 116 centri

Scritto da il 30 giugno 2022, alle 06:40 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Salute. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Una puntuale e aggiornata raccolta dei dati relativi ai pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale in Sicilia. Si tratta del Registro di Nefrologia, Dialisi e Trapianto, varato dalla Regione. Uno strumento che pone l’Isola all’avanguardia.
Oltre quattromila pazienti in dialisi distribuiti nei 116 centri siciliani, di cui 81 privati e 35 pubblici. Con una prevalenza di uomini rispetto alle donne e nella fascia di età di 60-80 anni. Quattrocentotrentotto pazienti in lista d’attesa per il trapianto di rene, di cui 379 residenti in regione e 59 non residenti. Siracusa, Messina, Agrigento e Trapani le province con la maggiore prevalenza di pazienti: Sono solo alcuni dei numeri, relativi al 2020, contenuti nel Registro di nefrologia dialisi e trapianto, realtà consolidata da oltre 12 anni che, grazie al contributo di tutti i centri dialisi, consente di avere dati dettagliati e completi sul trattamento dell’insufficienza renale terminale in Sicilia. Come per tutti i registri, il Report è stato presentato con un anno e mezzo di ritardo rispetto alla rilevazione, per la necessità di consolidare i dati prima di renderli pubblici, fanno sapere dall’Assessorato regionale alla Salute.
Alla presentazione, nella sede dell’Assessorato, sono intervenuti, tra gli altri, il Coordinatore nazionale del Registro, Maurizio Postorino; il Coordinatore regionale del CRT – Centro regionale trapianti, Giorgio Battaglia; il dirigente del Servizio 8 dell’Assessorato della Salute, Francesco La Placa; e la dirigente dell’ufficio speciale comunicazione per la Salute della Regione Siciliana, Daniela Segreto.
I registri di patologia, la cui utilità è riconosciuta per legge, sono il sistema più adeguato a raccogliere sistematicamente dati epidemiologici. Consentono di rilevare difformità territoriali nella distribuzione delle malattie e nelle possibilità di accesso alle cure permettendo interventi di prevenzione e pianificazione delle risorse. “Il Registro è uno strumento consolidato che permette di avere informazioni chiare ed esaustive sugli oltre 5000 pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale e costituisce un importantissimo strumento di verifica dell’adeguatezza dell’offerta di salute – spiega Giorgio Battaglia, Coordinatore regionale del CRT Sicilia, che gestisce il Registro -. Sono contenute informazioni sulla distribuzione, caratteristiche, complicanze, modalità di trattamento e molto altro. Il Registro vive grazie allo sforzo corale di tutti i centri che lo alimentano e del CRT che controlla l’invio dei dati, la loro coerenza e correttezza e li elabora. A tutte queste persone, uno a uno, vanno i nostri ringraziamenti”.
“E’ uno dei registri di patologia con un’appropriatezza e una finalità molto pregnante e nello stesso tempo con una grande presenza di dati, in quanto tutti i centri della Sicilia che fanno nefrologia, dialisi e trapianto aggiornano i dati e questo è un dato eccezionale rispetto al panorama italiano – aggiunge -. Per questo la grande attualità di questo Registro che ci è invidiato dal resto d’Italia”.
“In Sicilia abbiamo un dato di sopravvivenza dei pazienti in dialisi superiore alle altre regioni e abbiamo una grande offerta di possibilità di essere dializzati. Inoltre, la rete trapianti funziona e comincia a dare i suoi frutti”, sottolinea Battaglia, evidenziando che “i dati del report sono positivi”.
Il numero totale di centri di dialisi presenti in Sicilia, 116, (che corrisponde a 23 centri per milione di abitanti) è più elevato della media nazionale. La maggior parte dei 35 centri pubblici erogano, oltre al servizio di emodialisi (comune con i privati), anche un servizio di dialisi peritoneale e un’assistenza ambulatoriale sia ai pazienti con malattia renale non in dialisi che ai pazienti portatori di trapianto renale.
I pazienti censiti dal Registro sono 5086 e quelli in trattamento dialitico costituiscono la popolazione più numerosa (4194 pazienti “prevalenti” in dialisi”). Questo numero è superiore a quanto atteso guardando la media nazionale.
Il Registro Nazionale di Dialisi e Trapianto, infatti, prevede una media di 771 pazienti per milione di popolazione (PMP), contro 861 pazienti per milione di popolazione attualmente in dialisi nella regione.
“Il Registro nazionale che coordino – sottolinea Postorino – vive grazie ai contributi dei Registri regionali, (in Italia 15 su 20 regioni, ndr), e quello siciliano, che contribuisce da moltissimi anni, è un registro completo”. “Il registro siciliano – aggiunge Postorino – è mancato per due anni dalla scena e adesso riprende, ma è uno dei registri piu solidi e concreti di tutta Italia. Il primo report fu pubblicato nel 2010 quando ancora molti registri regionali non esistevamo. Quindi è una realtà consolidata, una realtà che contribuisce al registro nazionale e che proietta un’ottima immagine della nefrologia siciliana, proprio perchè la Sicilia ha qualcosa che altri non hanno e che comunque stentano ad avere: un sistema di visualizzazione di ciò che accade che consente un certo tipo di interventi sia a titolo preventivo, sia come pianificazione delle risorse. Il Registro siciliano è un piccolo miracolo che va a tutto merito non solo della Sicilia in generale ma di tutti coloro ed i centri della regione che contribuiscono con i loro dati. Il Registro è un vanto per questa Regione, il Registro siciliano è solido e proietta un’immagine positiva della Sicilia a livello nazionale e internazionale”.
“I dati del Report – spiega il dirigente del Servizio 8 dell’Assessorato della Salute, Francesco La Placa – riguardano gli anni 2018, 2019 e 2020, che sono gli anni che sono stati un pò negletti per l’emergenza Covid. Tutte le strutture comprese nel Crt sono state in sofferenza in questi anni”. “La necessità dei dati è assoluta – aggiunge – perchè, oltre a valorizzare l’attività che si fa, è ovvio che questi dati servono per una riprogrammazione delle attività. L’assistenza viene erogata, il Centro trapianti è attivissimo”.
“Si tratta di uno strumento importante per un’amministrazione regionale come l’Assessorato alla Salute – puntualizza Daniela Segreto -. Intanto è uno strumento di pianificazione e la pianificazione, laddove esistono risorse economiche chiaramente non illimitate, serve per potere rendere un’attività davvero efficace ed efficiente. Inoltre, è uno strumento di monitoraggio e di rendicontazione, che serve anche per favorire una rete di competenze e di eccellenze non solo a livello siciliano ma anche a livello nazionale; favorire uno scambio di competenze per le buone prassi. Ma anche e soprattutto come strumento di accountability”.





   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata