Notizie | Commenti | E-mail / 06:12
                    








In Sicilia la piattaforma per monitorare resistenza agli antibiotici

Scritto da il 6 agosto 2022, alle 06:30 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Salute. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

L’assessorato regionale alla Salute, in collaborazione con il Policlinico di Catania ed i suoi esperti informatici del Centro Servizi Multimediali, ha realizzato una dashboard interattiva dedicata alla sorveglianza delle resistenze batteriche. Si tratta di una piattaforma, disponibile sul portale regionale Qualità Sicilia SSR, che consente ai fruitori di consultare i dati su diversi profili di antibiotico-resistenza dei principali microrganismi “alert” e del contesto epidemiologico locale attraverso la lettura dei database dei laboratori di microbiologia.

Razza “La nuova dashboard permette di avere un quadro chiaro”
“Dall’esperienza del Covid abbiamo imparato l’importanza di avere quante più informazioni possibili sulle terapie farmacologiche da intraprendere in determinati momenti”. A spiegare il valore aggiunto da un punto di vista epidemiologico della dashboard è lo stesso assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

“L’abuso di antibiotici, come sappiamo, ha generato forme di resistenza in alcuni pazienti che, rendendo inefficaci le terapie normalmente previste, hanno quindi bisogno di un altro tipo di approccio – continua Razza – . Questa nuova dashboard consente ai medici e a tutti gli operatori sanitari di avere immediatamente un quadro chiaro di quale sia la situazione di resistenza antibiotica, in modo da poter orientare i processi decisionali nella prescrizione della terapia empirica”.

Il rappresentante del governo Musumeci conclude: “Si tratta di un importante strumento, attivato in Sicilia tra i primi in Italia, che ha già riscontrato l’apprezzamento del Ministero e dell’Istituto Superiore di Sanità, per il quale ringrazio gli specialisti del Policlinico di Catania e, in particolar modo, la dottoressa Stefania Stefani dell’Università di Catania, referente scientifico del progetto”.

Come fanno i batteri a resistere
La resistenza può essere naturale o acquisita, cioè stimolata da una precedente esposizione all’antibiotico. Può essere accelerata da usi inappropriati e assunzioni senza consulto medico. Si esercita così una pressione “selettiva” sulla popolazione batterica, favorendo la crescita di ceppi con ridotta o assente sensibilità agli antibiotici. Diversi i meccanismi: il patogeno modifica il bersaglio del farmaco (o lo sostituisce), produce enzimi che lo inattivano, usa sistemi che ne riducono l’ingresso al suo interno.

Il report del 2021
Il report del 2021, ha analizzato dati di 30 Paesi dell’Unione europea e dello Spazio economico europeo che fanno parte della rete continentale di sorveglianza del consumo di antibiotici (Esac-Net), e quelli di 15 Stati della rete Amc (Antimicrobial Medicines Consumption) dell’Oms Europa: tra il 2014 e il 2018, otto nazioni della rete Esac-Net hanno mostrato riduzioni significative nel consumo totale di questi farmaci (Danimarca -2,5%, Finlandia -5,2%, Germania -3,4%, Lussemburgo -1,3%, Paesi Bassi -1,5%, Norvegia -2,5%, Svezia -2,9% e Regno Unito -2,6%). “La consapevolezza è aumentata – ammette D’Ancona – ma sono processi molto lenti. Per cambiamenti significativi ci vorrà più tempo”.





   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.




Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata