Notizie | Commenti | E-mail / 16:08
                    






Delia, il resoconto sul seminario sulle pesche nettarine

Scritto da il 31 ottobre 2010, alle 15:12 | archiviato in Ambiente, Eventi. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Pesche e nettarine. Riconoscimento della qualità, associazionismo e controlli per competere nel mercato. E’ quello che è stato detto al seminario di giovedì a Delia.
<<Il riconoscimento Igp delle nostre pesche e nettarine, e l’adozione di un marchio collettivo, sono strumenti in grado di valorizzare le nostre produzioni e rappresentano il primo passo verso la differenziazione qualitativa per creare, a favore dei produttori, quel valore aggiunto che si forma nella filiera>>.
L’ha detto il vice sindaco di Delia, Niccolò Milano nel suo intervento al seminario “Valorizzazione qualitativa delle pesche e delle nettarine della Sicilia centro-meridionale”, che si è svolto giovedì a Delia. ll seminario, al quale hanno dato il loro patrocinio l’assessorato regionale delle Risorse Agricole e Alimentari (Regione Siciliana), la provincia regionale di Caltanissetta e la Camera di Commercio di Caltanissetta, è stato promosso dal comitato promotore per il riconoscimento della denominazione IGP delle pesche e delle nettarine coltivate nei territori dei comuni di Caltanissetta, Delia, Sommatino, Riesi, Mazzarino, Butera e Canicattì, in collaborazione con la Cia (Confederazione italiana agricoltori), dalla Coldiretti di Caltanissetta e dall’Unione agricoltori della provinxcia di Caltanissetta e di Agrigento; l’Università degli Studi di Palermo e l’Università degli Studi di Catania.
<<Di fronte alla concorrenza agguerrita di molti paesi esportatori di prodotti agricoli, dovuta al processo di globalizzazione – ha anche detto Niccolò Milano – poco o nulla puo’ fare la singola impresa, che deve invece inserirsi nell’ambito di un processo aggregativo per trarne così un vantaggio competitivo. E per essere competitivi oggi è necessario oltre alla differenziazione qualitativa dei nostri prodotti, l’associazionismo produttivo. Solo l’associazionismo può fare acquisire alle nostre imprese agricole un potere economico in grado di competere con i principali attori del mercato, oggi rappresentati, per lo più, dalle imprese della grande distribuzione organizzata. Siamo convinti di questo e il lavoro intrapreso da tempo dall’assessore all’Agricoltura,Tommaso Mancuso, vuole raggiungere proprio questi obiettivi>>.
A confermare da un punto di vista scientifico la qualità delle pesche del comprensorio ci stanno pensando le Università di Palermo e di Catania, come hanno ricordato i professori Tiziano Caruso e Alessandra Gentile, che nei loro interventi hanno parlato degli accertamenti quali-quantitativi fatti su vari campioni (ricerche biomolecolari, biometriche, chimiche e salutistiche).
Anche il presidente della Provincia regionale di Caltanissetta, on.le Pino Federico, che ha partecipato all’incontro e che ha concluso il dibattito – ha sottolineato con forza la necessità di imboccare la strada dell’associazionismo. <<Gli agricoltori da soli non sono competitivi – ha detto. Per essere competitivi bisogna mettere insieme i diversi territori e i produttori. Bisogna diminuire i costi: già siamo fuori dal mercato. E’ urgente cambiare la forma mentis. E un obiettivo che si può raggiungere. Ci vuole però un’azione sinergica e corale. Ci troviamo di fronte ad un problema complesso che è anche culturale. Ognuno deve fare la sua parte: la politica, le associazioni professionali di categoria, gli agricoltori. L’Igp è importante, ma lo sono anche la rete idrica per gli usi irrigui, il sistema di controllo, quello ortofrutticolo, la qualità. >>.
<<Da parte sua il dirigente generale del Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l’Agricoltura della Regione Siciliana, Salvatore Barbagallo, ha evidenziato la necessità di fare aggregazione, perchè la continuità e la quantità produttiva attuali sono insufficienti ed ostacolano la commercializzazione. Il marchio unifica. Tuttavia sono necessari i controlli che possiamo attivare e incentivare soprattutto sui prodotti importati. Obiettivo primario è certamente la salute dei consumatori, ma allo stesso tempo l’obiettivo è la difesa e la tutela della qualità dei nostri prodotti>>.
All’incontro sono intervenuti tra gli altri: Salvatore Paterna, assessore all’Agricoltura del comune di Riesi; Vincenzo D’Asaro, sindaco di Mazzarino; Giacomo Luigi Buzzi, responsabile Soat di Riesi.
Le nostre pesche – ha detto il responsabile dell’ufficio Agricoltura del comune di Delia, Stanislao Genova – si devono ormai confrontare con troppi concorrenti, italiani e di altri stati dell’Unione e del bacino del Mediterraneo. Il nostro territorio ha sicuramente dei punti di forza ma anche dei punti di debolezza e la sfida sarà spietata. Solo una concentrazione dell’offerta e un marchio associato possono riequilibrare i rapporti tra agricoltura e CDO, gli attori principali del mercato. E’ questo il punto. Anche perchè nel 2013 scade il termine ultimo per gli aiuti comunitari. Non c’è molto tempo quindi.
Queste iniziative vanno sostenute – ha detto Giuseppe Valenza, presidente della C.I.A. di Caltanissetta. Dobbiamo muoverci tutti insieme. I produttori devono fare la loro parte e le istituzioni devono fare di più di quello che hanno fatto nel passato. La situazione è drammatica . E’ necessario la messa in atto di strumenti e di percorsi nuovi e aggiuntivi per superare questo momento di grave crisi.
Credo che i sindaci che hanno imboccato questa strada hanno fatto la scelta giusta – ha detto Vincenzo Iannello, direttore della Coldiretti di Enna e Caltanissetta.. Dobbiamo avere la capacità di costruire momenti aggregativi. Sediamoci attorno ad un tavolo e vediamo cosa possiamo fare per questo territorio, per questa agricoltura di eccellenza, per avere un rapporto serio e corretto con la grande distribuzione. Abbiamo bisogno di un quadro normativo e programmatico chiaro. E la Regione qui deve fare la sua parte. Ci vogliono norme nuove ed efficaci per fare i controlli questo è il lavoro che ci aspetta.
Al termine del dibattito cè stata una degustazione di prodotti tipici locali.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata