Notizie | Commenti | E-mail / 08:38
                    






Sicilia, lite tra minorenni per una fidanzata: ucciso un 46enne

Scritto da il 31 marzo 2015, alle 23:38 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

carabinieri2 Una lite tra due minorenni per una fidanzatina contesa: sarebbe la causa scatenante dell’uccisione del 46enne Giovanni Di Bella, assassinato con un colpo di pistola a Catania. La vittima era il padre di un quattordicenne che aveva avuto dei contrasti con un tredicenne per una ragazzina. La lite si è estesa ai familiari con successivi ‘chiarimenti’ conclusisi con il delitto: A.M., 19 anni, fratello del tredicenne, gli avrebbe sparato un colpo di pistola uccidendolo. Il giovane è stato fermato dai carabinieri per omicidio su disposizione della Procura.

La sparatoria è avvenuta davanti l’abitazione della vittima: Giovanni Di Bella è stato centrato al torace da un colpo di pistola mentre era in strada, in viale Castagnola, nel popoloso rione di Librino. Soccorso, l’uomo è stato condotto nell’ospedale Vittorio Emanuele, dove è morto per i postumi della ferita.

I carabinieri del comando provinciale di Catania hanno ricostruito quasi subito la dinamica dell’agguato e sono anche risaliti al presunto omicida e al movente del delitto. La causa scatenante, secondo i militari dell’Arma, sarebbe un contenzioso che si era aperto tra il figlio 14enne della vittima e un ragazzino di 13 anni che erano ‘interessati’ alla stessa ragazzina. I due minorenni avrebbero avuto un acceso diverbio, motivato dalla gelosia, nel quale poi sono stati coinvolti i loro familiari.

L’incontro ‘chiarificatore’ tra Giovanni Di Bella, padre del quattordicenne, e A. M., fratello del tredicenne, non sarebbe però andato a buon fine. Anzi, si sarebbe concluso con pesanti insulti e accuse. Dopo dieci minuti, secondo quanto ricostruito dai carabinieri con l’uso di intercettazioni e la visione di filmati di telecamere presenti nella zona, il presunto omicida sarebbe ritornato davanti casa di Di Bella e gli avrebbe esploso contro un colpo di pistola, ferendolo mortalmente.

Il diciannovenne è stato sottoposto all’esame dello Stub, per verificare se abbia utilizzato armi: l’esito dell’accertamento, eseguito da militari del Ris, arriverà nei prossimi giorni. Intanto i carabinieri del comando provinciale gli hanno notificato un provvedimento di fermo per omicidio, emesso dal procuratore Giovanni Salvi, e condotto in carcere.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata