Notizie | Commenti | E-mail / 12:55
                    






Il Prefetto firma certificazione interdittiva antimafia per Girgenti Acque

Scritto da il 19 novembre 2018, alle 21:04 | archiviato in Agrigento, Costume e società, Cronaca, IN EVIDENZA, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il prefetto di Agrigento, Dario Caputo, ha firmato una certificazione antimafia interdittiva nei confronti della società Girgenti Acque che gestisce la distribuzione dell’acqua in 27 comuni dell’agrigentino. Il provvedimento determina la revoca degli affidamenti, il blocco delle gare in corso e l’affidamento della gestione acque e dei depuratori a un commissario. La società a gennaio scorso finì sotto i riflettori per un’indagine della Procura di Agrigento – eredità dalla Dda di Palermo che in origine indagò per mafia –  che ipotizzò assunzioni di familiari di politici e amministratori pubblici in cambio di favori.

Lo scrive l’Ansa stasera dopo che www.grandangoloagrigento.it ha diffuso la notizia della interdittiva antimafia a carico della società Girgenti acque.

Il fatto più clamoroso che fa deflagrare la certificazione interdittiva è il diverso atteggiamento del prefetto Caruso rispetto al passato, il quale, con garbo ma a chiare lettere – specifica che può decidere in perfetta autonomia e sganciato dagli esiti dei processi. Ed infatti scrive: “Nel pieno rispetto della competenza e dell’autonoma valutazione della magistratura nel merito della decisione, questa Prefettura, quale autorità amministrativa preposta alla prevenzione antimafia, ha doverosamente dedicato attenzione all’esame della mole di atti, informazioni e dati raccolti dalla Dia in sede di formulazione della proposta. Tale revisione critica è stata accompagnata ed integrata dall’espletamento di ulteriori, circostanziati approfondimenti ed aggiornamenti, ritenuti indispensabili per una completa e serena valutazione delle circostanze di fatto e dei profili giuridici da prendere in considerazione ai fini della decisione. L’impossibilità di provare la responsabilità in sede penale non preclude affatto, all’autorità preposta all’ordine pubblico, la valutazione dei medesimi fatti sul differente piano della prevenzione e della difesa sociale, qualora, esaminato il quadro complessivo, gli elementi acquisiti siano rivelatori del rischio concreto di condizionamento dell’impresa da parte della criminalità organizzata”. Ed aggiunge: “Si ritiene che il complesso degli elementi e dei dati raccolti, delle indagini della magistratura e delle risultanze delle attività delle Forze di Polizia, sufficientemente indicativo, seppur non esaustivo, delle condotte di Marco Campione, induca a ritenere attuale, nell’odierna architettura aziendale della società Girgenti Acque S. p. A., la presenza degli indicatori individuati dal D. Lgs. 159/2011. Sotto questo profilo, non va sottaciuto che il concetto di attualità del pericolo di infiltrazione mafiosa, tendente a condizionare le scelte e gli indirizzi della società, si caratterizzi autonomamente e si distingua da quello di novità, imponendo la valutazione più approfondita possibile di ogni elemento sintomatico della permanenza e della concretezza del rischio. Sul piano della valutazione personale, inoltre, lo stesso Tribunale di Agrigento, nel rigettare – il 4 febbraio 2016 – la proposta di applicazione di misure di prevenzione personali e patrimoniali nei confronti dell’interessato, ha riconosciuto la fondatezza sia pure di un “mero sospetto” della pericolosità sociale di Campione. Tale sospetto, benché ritenuto insufficiente in sede giurisdizionale ai fini repressivi e sanzionatori ivi previsti, non può tuttavia essere trascurato in questa sede, in cui è necessario prendere in considerazione i medesimi elementi sul piano – affatto diverso – della prevenzione e della tutela della sicurezza del sistema socio-economico, demandate dalla legge alla competenza delle Prefetture”.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata