Notizie | Commenti | E-mail / 23:50
                    








Coranavirus, casi siciliani tutti falsi

Scritto da il 22 febbraio 2020, alle 14:25 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Eventi, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Due mesi dopo il primo caso registrato a Wuhan, il coronavirus esplode anche in Italia: due le vittime, un 78enne veneto e una donna lombarda.

E in riferimento a quanto accade in queste ore in Lombardia e Veneto, l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, ribadendo l’assoluta serenità della situazione in Sicilia, ha convocato una riunione dell’unità di crisi a Catania presso il Palazzo della Regione.

“Chiederemo che il presidente della Regione, Nello Musumeci, possa essere nominato soggetto attuatore dell’ordinanza di Protezione civile, che ci permetterà di velocizzare tutti gli interventi”, ha annunciato Razza. “Stiamo lavorando – ha aggiunto Razza – per individuare due hub, uno per la Sicilia Orientale e l’altro per quella Occidentale, per realizzare aree di quarantena se dovesse essere necessario, perché bisogna programmare, anche se come in questo momento non c’è la necessità”.

“Sono già attivi 70 posti letto anche con aree ‘negative’. Al momento si sono registrati meno di dieci casi sospetti in Sicilia, ma, cosa importante, sono stati tutti immediatamente diagnosticati in 12 ore grazie ai tamponi che eseguiamo nei Policlinici di Palermo e Catania”.

“Sulle gite – ha precisato l’assessore – ci uniformeremo alla decisione delle scelte nazionali, ma al momento non mi pare che sia il caso di sospendere quelle da molto tempo programmate. Per i migranti abbiamo chiesto al ministero maggiore attenzione ricordandoci sempre che la Sicilia non è il confine del Sud dell’Italia, ma dell’Europa, e siccome ci sono stati casi al sud del Mediterraneo c’è preoccupazione, ma da parte dell’Usmaf è stata affrontata adeguatamente, come per porti e aeroporti”.

“Non ci sono ragioni per eccessivo allarme – ha ribadito l’assessore Razza – perché tutte le regioni italiane hanno adeguatamente previsto percorsi necessari. Ricordo a tutti, in caso di sospetta malattia, di evitare di andare al pronto soccorso, ma di chiamare il 112 e il numero nazionale del ministero della Salute, il 1500, o rivolgersi al medico di famiglia, da dove arriverà il percorso migliore da seguire”.

“Ci attenderemo a tutte le indicazioni che dovessero arrivare a livello nazionale. Noi siamo grati al ministro della Salute, Roberto Speranza, con cui stiamo attivamente lavorando perché davanti a un’emergenza l’unità nazionale è un valore indiscutibile e noi daremo la nostra massima collaborazione a tutte le altre Regioni”, ha concluso Razza.

FALSI ALLARMI NEGLI OSPEDALI SICILIANI. Intanto scattano allarmi nei nosocomi siciliani. Ieri pomeriggio nell’ospedale San Vito e Santo Spirito di Alcamo al pronto soccorso si è presentata, accompagnata in auto dal marito, una donna di 32 anni, di origine thailandese, con sintomi di influenza.

La donna, residente a Palermo, si trovava a Scopello, dove la coppia ha una casa di villeggiatura. L’allarme tra i sanitari è scattato quando la paziente ha riferito di aver compiuto recentemente un viaggio nel suo Paese di origine.

“Trasferita al reparto di Malattie infettive del Policlinico di Palermo – dice il dirigente dell’Igiene pubblica dell’Asp, Gaspare Canzoneri – intorno all’una di notte è rientrato l’allarme in quanto le analisi cliniche hanno dato esiti negativi”.

Un marsalese invece è stato ricoverato sempre ieri al Policlinico dopo essere rientrato da Taiwan con i sintomi influenzali. Gli esami hanno escluso il Coronavirus. Falso allarme anche al Papardo di Messina dove un tecnico di radiologia è stato portato al Policlinico palermitano per le analisi: è stato diagnosticato un’inizio di polmonite.

“Ho convocato – dice il Direttore Generale dell’Asp messinese Paolo La Paglia – per lunedì alle 10 una riunione del tavolo permanente provinciale, composto dai direttori degli ospedali e dei distretti della provincia per fare il punto della situazione; tutto il personale sanitario è formato per affrontare ogni emergenza e ogni presidio sanitario dislocato sul territorio provinciale è dotato di strumenti di protezione individuali adeguati in caso di necessità”.

Intanto è atterrato alle 6.37 all’aeroporto di Pratica di Mare il velivolo dell’Aeronautica militare con i diciannove italiani, 5 sono di Pozzallo (Rg), provenienti dal Giappone. I connazionali, rimasti per settimane a bordo della nave da crociera Diamond Princess, dopo aver terminato le visite, saranno trasferiti presso il Centro Sportivo dell’Esercito alla Cecchignola.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata