Notizie | Commenti | E-mail / 11:50
                    








Omicidio a Marsala, arrestato il presunto assassino, ha ucciso con un piede di porco

Scritto da il 28 settembre 2022, alle 06:28 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Svolta nell’omicidio a Marsala di Antonino Titone. Polizia e carabinieri hanno individuato il presunto assassino: si tratterebbe di un 39enne. Sarebbe stato visto da alcuni testimoni fuggire da casa della vittima. Inoltre aveva nascosto un piede di porco sporco di sangue nel pianerottolo di casa, questa potrebbe essere l’arma del delitto. Il movente sarebbe un possibile debito che Titone non avrebbe onorato e questo ha scatenato l’ira del 39enne.

I carabinieri del nucleo operativo di Marsala, gli agenti della squadra mobile della questura di Trapani e del commissariato di Marsala hanno arrestato un 39enne marsalese con precedenti penali e sorvegliato speciale. Sarebbe lui il principale iniziato dell’omicidio di Antonino Titone avvenuto all’interno della sua abitazione ieri mattina.

Tutto è cominciato ieri mattina intorno alle 11.30 quando gli agenti del commissariato di Marsala, giunti sul posto a seguito di una segnalazione di probabile furto in casa, avevano trovato il cadavere riverso a terra di Titone con vistose lesioni al capo. Era subito apparso chiaro che si trattasse di un omicidio. Attraverso un immediato raccordo investigativo tra il personale della polizia di Stato sulla scena del crimine e i militari dell’Arma si diramavano le ricerche di un uomo e una donna visti fuggire da alcuni testimoni dal luogo del delitto.

Descrizioni fondamentali
Grazie alla descrizione, i due venivano rintracciati dai carabinieri della sezione operativa di Marsala e condotti in caserma. I successivi accertamenti degli investigatori dell’Arma e della polizia, coordinati dalla Procura della Repubblica di Marsala, consentivano così di ritrovare, a circa due chilometri dal luogo dell’omicidio, in campagna, i vestiti verosimilmente utilizzati dai due, ancora sporchi di quelle che sembrano tracce ematiche. Nascosto in un vaso nel pianerottolo di casa del 39enne fermato la possibile arma del delitto, un piede di porco lungo circa 30 centimetri, anch’esso sporco di sangue.

In considerazione degli elementi raccolti si è proceduto alla misura precautelare dell’arresto nei confronti dell’uomo. Alla base del delitto un presunto debito non onorato, che avrebbe spinto il 39enne a colpire ripetutamente la vittima. Il presunto autore dell’aggressione sarebbe poi stato raggiunto successivamente dalla donna, con la quale avrebbe sottratto del denaro dall’abitazione della vittima. La posizione di quest’ultima è al vaglio degli inquirenti.





   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.




Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata