Notizie | Commenti | E-mail / 07:13
                    






Canicattì, intervista di fine anno al sindaco Corbo

Scritto da il 30 dicembre 2009, alle 15:54 | archiviato in Politica, Politica Canicattì. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0.

sindaco-corbo4Intervista   con il sindaco Vincenzo Corbo .

Gli spieghiamo che avrà un ruolo particolarmente importante visto che quest’intervista sarà pubblicata online e lui, in quanto primo cittadino, oltre che sé stesso e i canicattinesi che vivono in città,  sarà chiamato a rappresentare i suoi concittadini sparsi in tutto il mondo.

“Passiamo a discutere del lavoro svolto dall’Amministrazione in questo 2009 e  Corbo, tracciandone un bilancio, si mostra soddisfatto: ” quest’anno Canicattì è stato uno dei primi comuni siciliani per numero di aste pubbliche espletate, inoltre – aggiunge il sindaco – in questi ultimi mesi sono state sistemate, come pezzi di un puzzle, le tante tessere del lavoro intrapreso fin dal mio insediamento.  Ultima opera, sicuramente non in ordine di importanza, è stata,  dopo 45 anni,  la riapertura del Teatro Sociale che ha portato Canicattì agli onori della cronaca nazionale.

Per quanto attiene l’attività connessa con l’edilizia privata e pubblica sono state rilasciate 65 concessioni edilizie, e 200 autorizzazioni edilizie a fronte di una richiesta di 256 pratiche; 600 concessioni edilizie in sanatoria; l’apertura dello sportello catastale 5 giorni settimanali e moltissime altre cose che, per ristrettezza di spazio, non possono essere pubblicate.

Se devo formulare un augurio per i miei concittadini è quello che nel nuovo anno ciascuno di noi sappia crearsi delle occasioni per reclamare spazi di un’ umanità più autentica e solidale. Se ho scelto di occupare questa carica non è certo per brama di potere. L’ ho fatto per contribuire a far diventare la nostra comunità una grande famiglia in cui la solidarietà unisca il povero e il ricco. Una città in cui, al di là delle piccole miserie di tutti i giorni, i malati, i deboli, i sofferenti, gli emigrati, i disoccupati e coloro che hanno perduto la speranza possano ritrovare condizioni di conforto, di dignità e di lavoro“.
E’ un momento di commozione, che cerchiamo di stemperare chiedendo al sindaco come abbia trascorso il Natale.
In famiglia – ci risponde sorridendo – ed era ora! Mi reclamavano un poco, non vogliono solo il Sindaco ma anche il padre e il marito. Quello che sa metterci sempre una parola buona o raccontare una barzelletta. Devo dire che è stata una sensazione splendida e nello stesso tempo strana. E’ stato come quando ci si prende qualche giorno di vacanza, dopo un periodo di superlavoro: non ci si abitua alla caduta di ritmo, quasi quasi ti manca lo stress.

Questo è accaduto a me che, in quest’anno, ho lavorato anche dieci-dodici ore al giorno per portare a compimento gli obiettivi dell’Amministrazione. Il Natale, comunque, è servito tanto a ricaricarmi. Ero veramente molto stanco“.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Commenti chiusi


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata