Notizie | Commenti | E-mail / 07:16
                    






Ravanusa Chiesa Madre pronta ad ospitare quindici immigrati che si trovano a Lampedusa.

Scritto da il 31 marzo 2011, alle 13:34 | archiviato in Cronaca, Ravanusa. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

RAVANUSA. “Quindici immigrati per ora a Lampedusa vengano da noi ospiti”. E’ la sintesi di una lettera aperta, firmata dal “Gruppo Giovani” della Chiesa Madre “San Giacomo”, inviata al vescovo della diocesi di Agrigento mons. Francesco Montenegro, ai lampedusani, a tutto il popola agrigentino e a chi ha il “coraggio” di aiutare. “Siamo un gruppo di giovani – dicono i ragazzi, sollecitati dal parroco arciprete don Nenè Casola -, che vivono insieme un percorso di fede all’interno della parrocchia ‘San Giacomo’ di Ravanusa. La scelta di scrivere questa lettera è maturata durante uno dei nostri incontri settimanali, durante il quale insieme al nostro Parroco ci siamo interrogati sulla gravità della situazione in cui versano i cittadini di Lampedusa e gli ormai numerosi migranti nord africani che continuano ad arrivare sull’isola. La lettera aperta è destinata alle “persone di Lampedusa, a Don Franco, nostro Vescovo, alla gente agrigentina, e a….chi ha il coraggio di non voltarsi dall’altra parte”. La lettera aperta si apre così: “Siamo alcuni giovani della parrocchia San Giacomo di Ravanusa. Leggiamo il Vangelo e vogliamo viverne. Che dite, ci mettiamo insieme? Lampedusa ormai è un segno, una parabola che dice e interpella. Ci è vicina e ci riguarda” . “I giornali e i mass media ci dicono e trasmettono e discutono…e poi? – aggiungono i giovani -. A volte dobbiamo chiederci: la legge dello Stato o quella della coscienza che tiene lo sguardo fisso sul Vangelo? La nostra Chiesa, la nostra gente cristiana come si pone? Abbiamo pregato e abbiamo provato a riflettere da persone che vedono persone in chi arriva. Che fare? Proposta: perchè non chiedere ad ogni comune e alle sue parrocchie di ospitare 10-15 immigrati? Sappiamo dei “niet” per i tanti motivi legali, sanitari, occupazionali, di ordine pubblico e così via. Ma possiamo adagiarci su ragionevoli motivazioni che alla fine, ci sembra, mettono il Vangelo, bello semplice ed esigente, da parte? Possiamo essere un segno di un modo diverso di incontrarsi, di fare leggi,di darsi una mano? Quando una ‘sfida’ (educativa?) la si vuole evitare si cercano buoni motivi, quando la si accetta si aprono strade”. I ragazzi sanno che questo tipo di ospitabilità non è possibile, ma la provocazione si.

Giovanni Blanda



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Ravanusa Chiesa Madre pronta ad ospitare quindici immigrati che si trovano a Lampedusa.”

  1. Francesco ha detto:

    Mi pare un bell’ annuncio, del tipo, come fare bella figura con poca spesa.

    Dalle ultime righe si evince che tanto, alla fine, immigrati non ne potranno
    essere ospitati, nè uno, nè 15 nè 150!

    Ma vuoi mettere che figurone ci facciamo !!!!!!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata