Notizie | Commenti | E-mail / 16:55
                    




Carmelo Pullara sulle trivellazioni in mare: “La vera storia e il perché del mio no, oggi come ieri”

Scritto da il 14 settembre 2018, alle 06:34 | archiviato in Licata, Politica. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Carmelo Pullara scrive: “Risale a poco tempo addietro la mia battaglia contro la minaccia concreta dell’ingresso del colosso ENI nel nostro mare per le trivellazioni previste dal cosiddetto Progetto Offshore Ibleo – Campi Gas Argo e Cassiopea.

Il mio allarme è dovuto alla concretezza che il progetto ENI va assumendo negli anni, in quanto non vi è mai stata una vera mobilitazione generale contro questo colosso che intende invadere il nostro mare. Nel 2009, dopo la trattativa con i pescatori, il progetto è avanzato ulteriormente. Negli anni a seguire, sono state ottenute tutte le autorizzazioni ministeriali necessarie al proseguo dell’Iter amministrativo/burocratico.
Pensate che l’ENI ha persino agli atti le cosiddette VIA/VAS (ossia la valutazione Ambientale Strategica e di Impatto Ambientale), esitate anch’esse positivamente dagli organi ministeriali valutatori preposti. E noi? Il Comune di Licata, insieme a tutti i Comuni interessati, Ragusa, Palma, Scicli e alle Associazioni ambientaliste, dei pescatori, del turismo etc, abbiamo presentato (e poi reiterato) ricorso per annullare il decreto ministeriale che autorizzava l’ingresso e la perforazione del nostro mare. Eppure, abbiamo perso. Il TAR Lazio e il Consiglio di Stato ci hanno dato torto, dando ancora una volta il Via Libera al colosso ENI.
In virtù di questa lotta con gli autoctoni, ENI ha rivisto il proprio progetto dandoci “un contentino”, escludendo cioè l’installazione di una delle piattaforme di maggiore impatto (la Prezioso K) e spostando a terra, in zona già industrializzata (ossia a Gela), il trattamento e compressione del gas.
Per me anche questo, oggi, INACCETTABILE. Eppure la burocrazia e la legge, ad oggi, non dà ragione a chi vuole la completa tutela del nostro inestimabile patrimonio Marino, inestimabile per la quantità di ritrovamenti archeologici ancora in atto e per la ricchezza naturalistica che lo caratterizza. Chiedo al Sindaco di Licata di istituire un tavolo tecnico con le parti sociali e gli addetti del settore al fine di essere compatti su questa delicata vicenda. Mi impegno, consequenzialmente, a sensibilizzare gli organi preposti Regionali, al fine di valutare questo percorso di perforamento dei nostri preziosi fondali marini”.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata