Notizie | Commenti | E-mail / 02:00
                    








Undici vite salvate con altrettanti trapianti in 48 ore, nuovo record all’Ismett di Palermo

Scritto da il 19 giugno 2020, alle 06:00 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Salute. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Undici trapianti in poco più di 48 ore, un evento straordinario che si è appena realizzato presso l’IRCCS ISMETT, l’Istituto nato a Palermo grazie ad una partnership internazionale fra la Regione Siciliana e l’University of Pittsburgh Medical Center (UPMC), regolata da una convenzione quadro recentemente rinnovata dall’attuale Governo regionale. Si tratta della serie di trapianti più ravvicinata mai realizzata presso lo stesso centro. Un evento che ha mobilitato più di 80 persone fra medici, infermieri e personale sanitario per 48 ore consecutive. A questi vanno sommati anche i medici delle rianimazioni coinvolte e il personale del Centro Regionale Trapianti che ha coordinato tutta la macchina organizzativa. Le équipe coinvolte negli interventi sono state, infatti, 5. Così come cinque sono state le sale operatorie coinvolte, ovvero tutte quelle abitualmente utilizzate dalle équipe dell’Istituto più la cosiddetta Sala Ibrida, ovvero una sala altamente tecnologica realizzata grazie ai fondi europei e che normalmente viene utilizzata per gli interventi di cardiologia interventistica. “Ho avuto modo di condividere con il Ministro della Salute Roberto Speranza quanto fatto in queste ore dalle équipe dell’ISMETT di Palermo – sottolinea Ruggero Razza, Assessore alla Salute della Regione Siciliana – che non hanno mai cessato la loro attività nemmeno durante la fase più acuta della emergenza Coronavirus. L’ISMETT conferma così la propria naturale vocazione ad una straordinaria eccellenza che deve inorgoglire la sanità siciliana che, soprattutto in queste ore, è destinataria di poco edificanti luoghi comuni”.

In dettaglio, sono stati eseguiti tre trapianti di fegato, cinque trapianti di rene, un trapianto di polmone ed un trapianto di cuore. Nelle stesse ore, l’équipe di chirurgia addominale pediatrica ha effettuato un trapianto di fegato da donatore vivente su un bambino di appena 10 mesi portando appunto ad 11 gli interventi eseguiti con successo presso la struttura palermitana. “Quanto successo a Palermo – sottolinea Angelo Luca, direttore di ISMETT – è un evento estremamente raro ed eccezionale. Per ISMETT rappresenta sicuramente un record e probabilmente è un record per tutto il territorio nazionale. Un evento che ha messo in moto una macchina straordinaria per coordinamento e per numero di persone coinvolte dimostrando l’elevato standard di qualità e cura raggiunto dalla sanità siciliana, in grado di rispondere in maniera eccezionale alle esigenze dei pazienti in lista d’attesa per un organo”.
Grazie ad una serie di donazioni che si sono rese disponibili nel giro di poche ore è stato possibile dare una nuova speranza a ben 10 pazienti. A rendere possibile la maratona di interventi quattro donazioni che si sono susseguite fra Palermo, Catania ed Agrigento e altri due prelievi che sono stati effettuati in Toscana, a Grosseto e Livorno. “Il risultato raggiunto da ISMETT è davvero significativo – sostiene Massimo Cardillo, direttore del Centro Nazionale Trapianti – e lo diventa ancora di più ora che l’attività di trapianto in Italia sta tornando a pieno ritmo dopo il rallentamento inevitabile dovuto al coronavirus – Il plauso va al Centro trapianti, che dimostra ancora una volta il suo valore, al Centro regionale trapianti, che ha procurato ben quattro donazioni sulle sei che hanno reso possibili gli interventi, ed al grande impegno delle terapie intensive e dei coordinatori delle donazioni. In questi mesi l’Assessorato alla Salute della Regione Siciliana si è impegnato con forza nel sostenere le donazioni puntando su una riorganizzazione della rete locale che sta portando finalmente a un rilancio importante dell’attività”.
I pazienti sottoposti a trapianto da donatore cadavere sono tutti siciliani. Nelle stesse ore in cui le équipe di trapianto si susseguivano in sala operatoria, è stato eseguito un trapianto di fegato da donatore vivente su un bambino di appena 10 mesi. Il piccolo affetto fin dalla nascita da atresia delle vie biliari, una patologia che causa l’ostruzione dei dotti biliari e e conduce ad un’insufficienza terminale epatica. E’ arrivato a Palermo dalla Campania in condizioni estremamente gravi tanto che si è immediatamente valutata l’ipotesi della donazione da vivente. Ad oggi, in campo pediatrico, ISMETT è il centro più attivo per quanto attiene il trapianto di fegato da donatore vivente. Padre e bimbo stanno bene, il piccolo è ancora ricoverato nel reparto di terapia intensiva di ISMETT mentre il padre è già stato trasferito nel reparto di degenza. “Negli oltre vent’anni di partenariato tra Regione Siciliana e UPMC, l’IRCCS ISMETT ha raggiunto importantissimi traguardi nel campo dei trapianti e non solo – spiega Bruno Gridelli, vice presidente di UPMC e Country Manager di UPMC Italy – Questi 11 trapianti nel giro di poche ore, in un periodo così difficile per il nostro Paese, sono un’ulteriore testimonianza del valore di un partenariato pubblico-privato che sta continuando a portare la Sicilia ai livelli più alti delle cure, della ricerca clinica e, tramite la Fondazione Ri.MED, della ricerca biomedica.”



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata