Notizie | Commenti | E-mail / 02:11
                    








I Sindaci dell’agrigentino chiedono più assunzioni nei posti di qualifica apicale

Scritto da il 30 giugno 2020, alle 07:57 | archiviato in Agrigento, Favara, Licata, Photo Gallery, Politica, Politica Campobello di Licata, Politica Canicattì, Politica Castrofilippo, Politica Naro, Politica Palma di Montechiaro, Politica Ravanusa. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Nell’attuale momento, proprio mentre si cerca di uscire dall’emergenza sanitaria determinata dal covid-19, molti Comuni della Regione Sicilia devono affrontare un’altra emergenza: quella della mancanza di personale qualificato.

Il collocamento a riposo con quota cento di molti dipendenti comunali ha davvero messo in ginocchio i Comuni che hanno visto crescere inesorabilmente i posti vacanti nelle dotazioni organiche. A ciò si aggiunga che sono state e sono considerate nuove assunzioni le stabilizzazioni di personale precario part-time che già lavorava con contratto a termine ma ininterrottamente da almeno 20 anni nello stesso posto di lavoro in cui è stato stabilizzato verrà stabilizzato dai comuni siciliani.

In quest’ottica, diventa importante che lo Stato vari una legge che consenta agli Enti Locali siciliani di poter assumere, senza soglie e senza limiti, nei posti vacanti dell’organico che riguardano le qualifiche apicali.

Pertanto, i sindaci dei comuni dell’agrigentino, con in prima fila quello di Naro, Maria Grazia Brandara, hanno stilato un disegno di legge che consenta tali assunzioni e l’hanno sottoposto all’attenzione dei parlamentari nazionali siciliani, nella speranza che i Comuni siciliani possano tornare ad avere personale qualificato nei posti apicali.

DICHIARAZIONE DEL SINDACO:
“Purtroppo, la nuova normativa sulle soglie assunzionali che ha abolito il turn over e imposto vincoli notevoli alle nuove assunzioni si riflette sull’azione amministrativa che diviene sempre più lenta e difficoltosa a causa della mancanza di personale apicale qualificato.
Al Comune di Naro, per esempio, l’Ufficio Tecnico non ha personale laureato; non ha personale laureato nemmeno la ragioneria e i servizi finanziari; c’è una sola assistente sociale part-time; sono stati collocati a riposo con pensione quota cento il vicesegretario e il responsabile dell’ufficio stipendi e pensioni. Insomma, una carenza di personale davvero notevole che non può essere agevolmente colmata per via della vigente normativa.
Di qui, la nostra richiesta di una legge che ricalchi un po’ quanto avvenuto nell’anno 1988 quando lo stato autorizzò la Regione Siciliana a importanti deroghe in materia di assunzione di personale, per combattere la criminalità organizzata all’interno della pubblica amministrazione locale.”



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata