aggressione-poliziaQualche bicchiere di troppo gli ha provocato una denuncia per lesioni, danneggiamento e minace.    Protagonista della vicenza è una donna di  origine  slava ma da anni residente in città. I fatti si riferiscono all’aprile del 2007. Ieri mattino, presso l’aula penale della sede distaccata di Canicattì del tribunale di Agrigento, il giudice monocratico Luca D’Addario, ha condannato  alla pena di un anno di reclusione una trentanovenne nata in Jugoslavia ma da diverso tempo residente in città imputata di lesioni, minacce e danneggiamento. La donna, a causa dell’eccesso di alcol, avrebbe aggredito tre agenti di polizia procurandogli lesioni giudicate guaribili in 7 giorni ed inotre avrebbe danneggiato il lunotto posteriore e l’impianto di aerazione dell’abitacolo della Fiat Marea, in dotazione alle forze di polizia.  Passata la sbornia, alla donna dal carattere abbastanza sanguigno, è stata notificata una denuncia per lesioni, danneggiamento e minacce.