Notizie | Commenti | E-mail / 07:14
                    






Licata, le aziende agricole dopo il maltempo: “Siamo rimaste senza soldi”

Scritto da il 30 novembre 2015, alle 06:36 | archiviato in Economia, Licata, Photo Gallery, Politica, Politica Palma di Montechiaro. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

licata foto 6La disperazione diventa dramma per gli agricoltori licatesi le cui aziende sono state devastate dalle tre trombe d’aria dello scorso 10 di ottobre. Malgrado non abbiano più nulla, devono comunque pagare le tasse per aziende che, di fatto, sono chiuse. Così lanciano un grido d’appello, disperato, a tutte le istituzioni.
“La questione è semplice – dicono i produttori agricoli – entro il 30 di novembre, dunque, lunedì (domani ndr) dobbiamo versare la prima rata dell’Irap. Si tratta di acconti che per ogni azienda non sono inferiori a cinquemila euro, ma dove li prendiamo questi soldi, se non abbiamo più nulla. Avevamo chiesto al Comune ed alla Regione di intercedere presso gli organismi competenti affinchè potessimo ottenere, perlomeno, una sospensione immediata delle tasse relative alle nostre aziende, ma finora non abbiamo ottenuto alcuna risposta”.

Lo scorso 10 di ottobre, come si ricorderà, bastarono cinque minuti per mandare in fumo i sacrifici di decenni. Secondo le stime della sezione cittadina dell’assessorato regionale all’Agricoltura, le trombe d’aria hanno letteralmente distrutto cento aziende agricole licatesi (ed alcune della vicina Palma di Montechiaro), provocando danni che sfiorano i sei milioni di euro. Da allora gli agricoltori manifestano la loro preoccupazione per l’accaduto e chiedono aiuto.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata