Notizie | Commenti | E-mail / 21:36
                    








Sicilia, violenza di gruppo su disabili mentali da parte di vicini di casa

Scritto da il 16 dicembre 2016, alle 06:00 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Violenza sessuale di gruppo e atti persecutori, con l’aggravante di avere commesso il fatto nei confronti di una persona con disabilità mentale, e maltrattamenti e violenze ai danni dei componenti di un’intera famiglia, tutti con gravi ritardi mentali. Sono le accuse contestate a due persone, vicine di casa della famiglia vessata, che sono stati arrestati dalla polizia di Stato in esecuzione di un provvedimento del Gip di Catania che ha disposto per loro gli arresti domiciliari.

La Procura distrettuale aveva chiesto la custodia cautelare in carcere. Teatro delle violenze, un complesso di abitazioni nella periferia popolare di un paese della riviera ionica del catanese, in cui abitano i due indagati e la famiglia vessata. Da indagini della sezione di polizia giudiziaria della polizia di Stato della Procura di Catania emergono “abituali atti di maltrattamenti, prevaricazioni, denigrazioni e violenze subite dalle persone offese: padre, madre e figlio maggiorenne, tutti affetti da gravi ritardi mentali”.

Il fascicolo è stato aperto dopo un esposto delle vittime, che hanno denunciato “gravi violenze, anche di natura sessuale, e continue vessazioni” che sarebbero state “costrette a subire per anni dai vicini di casa”, due uomini adesso agli arresti domiciliari. Secondo quanto ricostruito dalla Procura, i due indagati “abusavano delle condizioni di particolare vulnerabilità delle vittime” che “intimorite e sopraffatte venivano, tra l’altro, sfruttate per compiere lavori e commissioni di ogni genere”.

Dalle indagini, si sottolinea dalla Procura, è emerso inoltre “un gravissimo episodio di violenza di gruppo commesso ai danni di uno dei componenti la famiglia”. Il provvedimento del Gip di Catania è stato eseguito lo scorso 9 dicembre, ma reso noto soltanto oggi dalla Procura di Catania.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata