Notizie | Commenti | E-mail / 22:12
                    






Nel 2025 Sicilia con 2.251 medici in meno

Scritto da il 30 marzo 2019, alle 06:18 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Salute. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“Da qui ai prossimi sei anni in Sicilia mancheranno ben 2.251 medici del Servizio Sanitario Nazionale”. E’ quanto rivela uno studio realizzato dall’Anaao Assomed su tutto il territorio italiano per cercare di capire, specializzazione per specializzazione, regione per regione, quali saranno i settori più colpiti dall’esodo dei medici che andranno presto in pensione grazie alla “quota 100” e dall’esodo dei giovani medici attualmente impegnati nelle scuole di specializzazione verso il settore privato se non addirittura verso l’estero.

“Quelli emersi sono dati sconfortanti. In Sicilia – commenta il segretario regionale siciliano dell’Anaao Assomed Toni Palermo – siamo di fronte a un’emergenza che se non si dovesse affrontare immediatamente, e forse siamo già in ritardo, non soltanto si butterebbero alle ortiche anni di lavoro per raggiungere standard qualitativi sempre migliori nell’offerta del Ssn ma, cosa ancor più grave, peggiorerebbero le difficoltà nel gestire l’assistenza sanitaria senza più medici preposti alla cura dei cittadini-utenti, che quindi sarebbero costretti ad attendere tempi più lunghi per una visita, un esame o un soccorso sanitario”.

“Non possiamo certo far finta di nulla di fronte a questi numeri – continua Palermo – che ci dicono che circa la metà dei camici bianchi impiegati nella Sanità pubblica andranno in pensione entro il 2025 senza però essere sostituiti da personale giovane e preparato”.

Per l’associazione “tra le specializzazioni la Medicina di emergenza – urgenza sarà quella maggiormente interessata dal fenomeno dell’esodo di medici ormai stanchi di subire di tutto nei vari presidi di Pronto Soccorso o di rischiare di più in ‘trincea’. Ma anche la Pediatria non sarà da meno”.

Palermo si chiede infine “chi curerà i nostri figli e nipoti in futuro?”. “Non vorremmo – dice – che si dovesse verificare anche qui in Sicilia come avvenuto di recente nel Veneto la strana circostanza per la quale verrebbero richiamati a lavorare i medici anziani in quiescenza”.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata