Notizie | Commenti | E-mail / 08:13
                    






Meetup Campobello di Licata: sgomenti e inermi alla pratica della capitozzatura degli alberi

Scritto da il 19 giugno 2019, alle 12:15 | archiviato in IN EVIDENZA, Photo Gallery, Politica, Politica Campobello di Licata. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Ultimamente in provincia di Agrigento i cittadini assistono sgomenti e inermi alla pratica della

capitozzatura degli alberi: stupendi viali, piazzette, vie cittadine trasformate in dimore di scheletri

arborei. Dove prima c’erano stupende chiome, panchine ombreggiate, strade armoniose adesso ci

sono tronchi mozzati senza foglie, spettacolo desolante e deprimente alla vista e all’anima.

I sindaci amano definire le città agrigentine a vocazione turistica eppure le imbruttiscono

continuamente. Non basta già il degrado dovuto ai rifiuti sparsi negli angoli cittadini, nelle

campagne, nelle vie di accesso delle città, no, devono metterci il carico peggiorando la situazione.

Quale visione hanno? Qual è per il Sindaco Giovanni Picone il concetto di città a vocazione

turistica? Anche a Campobello di Licata in questi giorni abbiamo assistito allo scempio lungo il

corso Vittorio Emanuele, scempio che Giuseppe Sicilia ha cercato invano di fermare parlando con

l’assessore al ‘ramo’ presente sul posto, senza successo… È proprio il caso di dirlo: al ramo

purtroppo reciso!

Quando non si ha alcun senso estetico e si deturpa un viale, dimora di stupendi alberi maestosi

ridotti a degli scheletri nudi senza più dignità, rimane poco altro da aggiungere.

Alberi mozzati senza più alcuna estetica e tronchi senza foglie che nella migliori delle ipotesi

sopravviveranno.

Ovviamente non è solo una questione di forma: gli effetti a lungo termine della capitozzatura sono

ancora più gravi. Dall’indebolimento, all’invecchiamento precoce, dalle malattie all’insediamento

di parassiti fino ad arrivare all’improvviso e pericoloso cedimento dei rami o al collasso degli stessi

alberi.

Il nostro appello al Sindaco e a tutta l’amministrazione è quella di fermare questa pratica

distruttiva e di non continuare oltre!

Provvedere al verde con interventi costanti di abbellimento e con una potatura di qualità dovrebbe

essere il compito di un bravo amministratore, affidato a persone competenti!

Non si tratta così una città che vuole incrementare o avviare il turismo!

Rivolgo un appello ai cittadini ad unirsi in questa lotta: una città è un organismo vivente ed è fatta

di esseri umani, alberi, uccelli… una città si può dire viva quando tutela la VITA in tutte le sue

forme, non quando la mortifica senza alcun riguardo!

Abbiamo sentito un esperto locale qualificato che ci ha spiegato quali interventi fare per il tipo di

pianta e periodo ovvero “epoca di potatura”.

La pianta sempreverde “Ficus Benjiamin” non va assolutamente potata in questo periodo e non in

questo modo. La capitozzatura la si fa solamente in due casi: o quando la pianta è stata attaccata dal

fuoco e l’intervento serve a tentare il ripristino della stessa, o nel caso di trapianto in altra sede.

L’esperto aggiunge che per come era lo stato delle piante bastava dare una sfoltita laterale,

cosiddetta “hedging”, e del lato superiore “topping”.

Aggiungiamo che interventi costanti e programmati nel tempo eviterebbero queste operazioni

distruttive, che ci sono decine di metodi diversi per evitare che il guano degli uccelli imbratti la

strada e dia fastidio agli umani, che la coabitazione fra umani e animali è naturale e che il mondo

asettico e sterile non esiste per fortuna: per quello ci sono le peggiori visioni futuriste di un mondo

senza anima, fatto di cemento e acciaio.

Ci auguriamo che non si continui con questa pratica distruttiva e che si lavori seriamente per

migliorare l’ambiente, la coabitazione nello stesso territorio fra l’uomo e la natura.

Quando impararono a coltivare l’olivo e la vite,i popoli del Mediterraneo cominciarono ad uscire dalla barbarie

Tucidide V secolo A.C

“Se qualcuno avrà sradicato o avrà abbattuto un olivo, sia di proprietà dello stato sia di proprietà privata,sarà giudicato dal

tribunale e se sarà riconosciuto colpevole verrà punito con la pena della morte.”ARISTOTELE, Costituzione degli Ateniesi

Meetup 5 Stelle Campobello di Licata



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata