Notizie | Commenti | E-mail / 07:49
                    






Le pagelle del consiglio comunale aperto ( socchiuso) di ieri sera… analisi semisera di un civico consesso partecipato

Scritto da il 2 luglio 2019, alle 18:27 | archiviato in #Esclusiva, IN EVIDENZA, Politica, Politica Canicattì. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Consiglio comunale aperto, o meglio socchiuso, perché sembra che il regolamento imponga di poter dare la parola solo a chi rappresenta associazioni o categorie quindi non al cittadino comune che avrebbe voluto poter dire la propria sulla condizione in cui versa il paese. Ma andiamo avanti….non me la sono sentita di scrivere un articolo dedicato al civico consesso di ieri sera perché se tutto non fosse davvero così tragico risulterebbe anche comico. Proverò quindi a riassumente e sintetizzare la serata con un metodo che è di moda nelle trasmissioni sportive, cioè con la pagella.

Tenterò facendo riferimento alla sintesi e ai numeri di dare l’idea dell’accaduto.

Inizierò dal padrone di casa, il Presidente del consiglio Alberto Tedesco voto 6. CONSAPEVOLE. Consapevole dell’inutilità del consiglio tenutosi, consapevole della vuotezza delle cose narrate, consapevole che forse la prossima volta non sarebbe il caso riproporlo.

 Il segretario comunale, voto 8. PROTETTIVO. Garante della legalità Protettivo è preoccupato come un genitore che ha il figlio agli esami, pronto lì sul pianerottolo della scuola ad aspettare il figlioletto uscire fuori dall’aula con la scusa della pipì per sistemargli la cartucciera che porta addosso.

La dottoressa Carrubba responsabile ARO, voto 8. ASSISTENTE SOCIALE. Ieri sera finalmente abbiamo capitò perché l’hanno scelta a guidare l’ufficio ARO. Ma tutti voi non lo capirete fin quanto non leggerete la pagella del sindaco. Solo un assistente sociale avrebbe potuto comprendere certe esternazioni.

Il Sindaco, voto 10. Incontinente. Entrava ed usciva dall’aula con la stessa frequenza di uno scolaro prematuramente ammalato di prostata. Ieri sera finalmente si è capito il pay off usato nella sua campagna elettorale, ma si è capito anche che quel pay off era mancante di un pezzo “ l’uomo giusto” è vero “l’uomo giusto per questo paese”. Lo capiremo più avanti intanto apprendiamo che firma un appalto di oltre 30 milioni di euro senza sapere cosa si intende “ per area di prossimità “ e che l’amianto può essere lasciato incustodito nelle campagne , ma a patto che sia ordinatamente messo in dei sacchi. Imbottito di carte come uno studente di cartucciere agli esami, ha ripetuto tutto quanto come non avrebbe potuto fare meglio. Sembra chiederà la rescissione del contratto sottoscritto come le società della raccolta dei rifiuti con la clausola di mantenere i nuovi assunti fino alle prossime elezioni. Ribadiamo il 10, va incoraggiato.

Adesso è la volta dei consiglieri. Fabio Falcone. Voto 7. EPISTOLARE. Scrive a tutti di tutto, ma sembra che le sue missive abbiano meno effetto dei volantini del supermercato.  E pur non proponendo alcuna promozione o sconto, si apprezza l’impegno.

Giovanni Rubino, voto 8. INTUITIVO Ieri prima degli altri ha percepito l’assenza delle aziende come la sintesi della cosiddetta “comparata”.

Lillo Muratore, voto 6. ECCITATO Nel dubbio se essere della maggioranza o dell’opposizione , trova una terza via, la rescissione del contratto… in questa che è tra la super Cazzola e “sticazzi” entra in un loop dove ci rimane per circa 20 minuti. Strappa al pubblico un applauso finalizzato a farlo finire.

 Giangaspare Difazio, voto 7. INVESTITO. Nel senso che le prove tecniche di assessore di cui si sente già investito ieri sera non sono andate niente male. Durante il suo intervento continuava a fissare lo scranno a pochi centimetri dal suo dove era solito accomodarsi il rimpianto (politicamente) Vella e sembrava reagire come le creature di pavlov.

Mimmo Licata, voto 3, DISCOLO. L’alunno che nessuna maestra vorrebbe in classe, di lui potremmo dire è intelligente , ma non si applica, è spiritoso ma a volte esagera, potrebbe fare di più. Lo rimandiamo, lui sa come recuperare gli anni perduti.

Umberto Palermo , voto 7 , INCASSATORE. Non riesce ad essere ricordato dalla Dott.ssa Carruba e chiede al sindaco lumi sull’amianto per poi scoprire che è stato spostato di ben  200 metri
Luigi Salvaggio, voto 6 . INCURIOSITO. Date le sue numerose assenze , ieri sera sembrava avere ritrovato la voglia di ritornare a frequentare. Lo si è visto attento e fare domande. Se continua così potrebbe recuperare l’anno.

Fabio Di Benedetto voto 5. ANNICHILITO. Il veterano dei consiglieri comunali lo abbiamo visto soffrire ieri sera nel vedere come hanno trattato atti e documenti che egli conosce molto bene. Ha preso a tratti la parola , ma con la consapevolezza del prete esorcista che sa che dal corpo di alcuni non uscirà mai il demonio.

Diego Aprile voto 7. PRESENTE, nel senso che quando ha appreso che non vi erano soluzioni al problema nel tentativo di dare un contributo, ha chiesto la parola, abbiamo così appreso che col caldo dei prossimi mesi la spazzatura per strada può essere un problema .
Il responsabile dell’ufficio dei vigili urbani Licata, voto 4, il 10 % delle multe elevate da quando è partita la differenziata. REMISSIVO. Sembrava essere contro qualsiasi forma di repressione e puntare al convincimento personale del singolo cittadino che trasgredisce. Magari parlandogli riusciremo a convincerlo a non buttarla più per strada. Anche i testimoni di Geova condividono.

Il rappresentante dei negozianti di Largo Aosta 9. CONCRETO. Pur essendo stato provocato da chi era posto dinnanzi a lui è riuscito a dire una frase che ha sintetizzato tutto: paese trasandato… andando oltre la monnezza.

Il rappresentate dei comitati civici voto 9. TENERO. La sua disponibilità a collaborare va oltre le direttive dategli dal suo leader e si becca i complimenti del segretario. Ricorda molto la Serrachiani… dopo il suo intervento potrebbe aspirare a una candidatura.
Cesare Sciabarrà voto 3. ILLUSO. Tra il giornalista, il difensore civico e il poliziotto di quartiere, il direttore della testata dissidente non ha ancora capito che è ora di cambiare mestiere. Suscita l’applauso, aumenta le visualizzazioni , dice delle verità per certi versi scontate, ma che sembrano non  interessare agli addetti ai lavori. Si vocifera che a Natale ha chiesto come regalo una asta da microfono o un biglietto di sola andata per FuerteVentura… isola scelta sia per il clima che per cosa contiene  dentro il nome…non sia mai provare un attimo di malinconia.
Popolo Canicattinese, voto 4, TANTO QUANTO I GATTI.La sala era strapiena fino a fuori , ma non perché si era tantissimi, ma perché la sala è oggettivamente piccola. Adesso è possibile ricollegarci con lo slogan elettorale che noi ci siamo permessi di completare per dare la giusta importanza alle parole…. l’esigua presenza di cittadini per un tema così tanto importante mi convince che Di ventura è si “ l’uomo giusto” ma per questo paese.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata