Notizie | Commenti | E-mail / 23:25
                    








L’insostenibile leggerezza della rassegnazione…..

Scritto da il 2 giugno 2021, alle 19:34 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

L’insostenibile leggerezza della rassegnazione, l’abitudine a rassegnarsi a non pretendere a sopportare, a subire. Una società distratta, veloce, effimera, leggera, mai profonda. Falsamente informata, graficamente plastica, statica, ma anche liquida ( come la definì  Bauman).

Una società covid e post covid, ma anche pre covid, tre facce di una stessa realtà che finiscono con il sovrapporsi , con l’identificarsi in quello che si era prima e in quello che saremo dopo , nel frattempo facciamo vedere quello che siamo adesso.

Cosa siamo adesso? Una società  che punta alla crescita? Quale crescita? Che tipo di crescita? Ma crescere per fare cosa? Consumare per produrre, ingurgitare per vomitare e poi ingurgitare ancora.

La politica come quasi sempre indifferente, pavida, concentrata sulle singole posizioni, su forme di avarizia, miste a codardia che servono a guardare bene il proprio orticello.

Nulla di nuovo all’orizzonte. Stessa retorica, stessi metodi, lo stesso gioco delle tre carte che continua a fottere ignari passanti agli autogrill…. Gli stessi compari che fuggono dopo aver compiuto la truffa.

Distratti e impauriti non riusciamo a guardarci più intorno ricoperti come siamo delle nostre stesse feci, della nostra spazzatura, del nostro stesso inquinamento che ingurgitiamo con le prelibatezze poste sulle nostre tavole.

Chi mai si preoccuperà di lasciare un mondo migliore a chi verrà dopo di noi, detti volgarmente figli. Siamo come i campeggiatori della domenica che lasciamo la monnezza nel bosco o sulla spiaggia. Non ci interessa chi verrà dopo di noi, noi probabilmente troveremo un altro posto da devastare.

Parlare di questi temi ti rende facile bersaglio degli stessi campeggiatori. Lasciare un mondo migliore agli altri? E perché dovremmo? Ma perché sono i nostri figli….. “E no, a mio figlio è sufficiente che gli lascio qualche immobile e un pò di soldini in banca.. e il mondo vada a farsi fottere”.

Ma la natura è impietosa, sa restituire ciò che gli si dà  e sa riprendersi ciò che gli si toglie.

Oggi o forse già da ieri è indispensabile parlare di territorio, immaginare nuovamente questo mondo e i nostri comportamenti.

Ma per fare tutto ciò sarà necessario che la legalità  la smetta di esser e una festa ( come la festa della salsiccia di Pontecorvo)  , che l’ambiente torni da essere una parola non da abbinare a un deodorante, che la differenziata o la indifferenziata non siano linee di credito per i furbetti, che il 191 sia il numero per chiamare un operatore telefonico   e che i murales tornino a farli i writers, come si faceva una volta….



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata