Notizie | Commenti | E-mail / 22:15
                    








Concorsi al Comune di Grotte, rinviato al merito il ricorso presentato da un partecipante

Scritto da il 8 giugno 2021, alle 07:10 | archiviato in Cronaca, Grotte. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Con bando ritualmente pubblicato,nell’agosto 2020, il Comune di Grotte aveva indetto una procedura selettiva pubblica, per soli titoli, per la copertura di un posto di Istruttore Direttivo Contabile Cat. D,Pos. Ec. D1, a tempo pieno e indeterminato, conclusasi lo scorso febbraio 2021 con l’approvazione della graduatoria definitiva.
Tale graduatoria veniva impugnata dalla partecipante M. L., collocatasi alla 18^ posizione, peruna presuntaillegittima attribuzione, ad alcuni partecipanti,di un doppio punteggio per lo stesso titolo di studio già richiesto dal bando per la partecipazione al concorso, ovvero sia la laurea magistrale che la laurea triennale;doppio punteggio, di contro, non attribuito alla stessa,analogamente in possesso di una laurea triennalee di una laurea magistrale.
Con il medesimo ricorso, inoltre, veniva censurata,dalla dott.ssa M.L., l’erronea valutazionedel secondo titoloa due partecipanti, trattandosi di laureeasseritamentenon pertinenti al posto messo a concorso.
Si costituiva in giudizio il Comune di Grotte, con il patrocinio dell’Avvocato Girolamo Rubino, per resistere al ricorso e ribadire la piena legittimità dell’operato dell’amministrazione comunale e della Commissione insediatasi per l’espletamento della procedura selettiva.
In particolare, secondo la tesi difensiva dell’Ente, trattandosi di due diversi titoli di laurea (laurea magistrale e laurea triennale) associati a percorsi di formazione differenti, era stato correttamente attribuito, dalla Commissione di gara,l’ulteriore punteggio in favore di quei candidati cheavevano dichiarato il possesso di altro titolo di studio in aggiunta a quello di accesso, ed altrettanto correttamente era stata valutata alla ricorrente una sola laurea,avendo la stessa omesso di autocertificare – come invece espressamenteprevisto dal bando – il possesso di tale ulteriore titolo asseritamente posseduto e non essendoilcurriculum vitae,dalla stessa allegato, munito di dichiarazione sostitutiva ex artt. 46 e 47 D.P.R. 445/2000.
Quanto invece alcontestato punteggio relativo alla seconda laurea posseduta dagli altri partecipanti, – secondo il difensore del Comune di Grotte, l’avv. G. Rubino – nessun rilievo avrebbe potuto assumere la pertinenza o meno di titoli posseduti dagli altri partecipanti rispetto al posto messo a concorso, avendo previsto, il bando, solamentela valutazione di un“secondo titolo equivalente” a quello previsto per la partecipazione al concorso ossia, dunque, di livello universitario; senza null’altro richiedere ai fini valutativi.
Infine – rilevava la difesa del Comune – la sospensione dei provvedimenti impugnatirichiesta dalla ricorrente con il ricorso, non avrebbearrecato alla stessaalcun un immediato beneficio mentre, di contro, avrebbe cagionato un grave pregiudizio in capo all’Amministrazione che si sarebbe vistaprivata della possibilità di avvalersi nell’immediato di un’unità di personale.
All’udienza celebratasi il 19 maggio 2021, il difensore della ricorrenteha rinunciato alla domanda cautelare presentata.
Pertanto, nelle more della definizione delgiudizio di merito, il Comune di Grotte potrà adottare gli atti conclusivi della procedura concorsuale volta alla copertura diun posto di Istruttore Direttivo Contabile Cat. D,Pos. Ec. D1.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata