Notizie | Commenti | E-mail / 22:44
                    




Un protocollo con i panificatori siciliani contro il glifosato

Scritto da il 23 luglio 2018, alle 06:22 | archiviato in Ambiente, Cronaca, cronaca sicilia, Cucina, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Un protocollo di intesa con le associazioni di panificatori siciliani affinchè si impegnino ad usare grano duro siciliano garantendo così la sicurezza dei prodotti derivati, quali pane e pasta, che rappresentano un vero e proprio caposaldo della dieta mediterranea.

E’ la proposta su cui si impegnerà l’U.Di.Con (Unione per la difesa dei Consumatori) emersa dopo una intera giornata dedicata alla sicurezza alimentare tenuta oggi in piazza Mondello.

“I pesticidi impiegati in campo agricolo, alcuni dei quali, dichiarati pericolosi per la salute dell’uomo, sono un problema con cui purtroppo il nostro Paese deve fare i conti” dice il presidente nazionale di U.Di.Con Denis Nasci – la contraffazione alimentare e l’utilizzo di sostanze nocive rendono pertanto il tema della sicurezza alimentare quanto mai attuale, in questa ottica sono fondamentali le iniziative che hanno come principale scopo quello di orientare i consumatori verso un acquisto consapevole”.

“La tracciabilità di una filiera garantisce la tutela del consumatore nel suo diritto alla trasparenza permettendo di tutelarsi contro i rischi di frode e sofisticazione, ma anche consentendo di proteggere il settore italiano dall’aggressività dei prodotti esteri a basso costo – ha detto il segretario regionale U.Di.Con Piero Feroce -. Il prossimo passo sarà quello di promuovere un progetto che parli ai bambini delle scuole e li educhi alla cultura del prodotto a km 0 e biologico. Chiederemo ai dirigenti scolastici di impegnarsi fortemente a far utilizzare nelle mense scolastiche prodotti biologici e provenienti da un’agricoltura sostenibile”.

La giornata era partita dalla considerazione che la tutela della salute dei cittadini, si ottiene facendo una buona informazione e cercando di lasciare sulla tavola degli italiani, solo prodotti certificati e di sicura provenienza.

“Il modo migliore per difendersi per il consumatore è seguire le etichette e non la pubblicizzazione del prodotto. La tracciabilità è la migliore sicurezza del prodotto finale. Un esempio in queste settimane è dato dalle vicende del tonno contaminato. Si tratta sempre di pesce di cui non è nota l’origine, la zona di pesca, il rispetto della catena di conservazione – dice la biotecnologa Irene Polizzotto – accertarsi di comprare solo ciò che è tracciabile mette al sicuro le nostre tavole e la nostra salute”

“Qualità e sicurezza degli alimenti sono alla base di tutto – dice lo Chef Natale Giunta – e per questo quando si parla di queste cose io sono sempre presente”.

Il prossimo appuntamento con la tutela dei consumatori dell’U.Di.Con fra dieci giorni quando l’Unione Difesa dei Consumatori si occuperà di sanità siciliana

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata