Notizie | Commenti | E-mail / 01:21
                    








Tar del Lazio, nessuna illegittimità nello scioglimento del Consiglio comunale di Camastra

Scritto da il 9 luglio 2019, alle 14:37 | archiviato in Camastra, Photo Gallery, Politica. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Nessuna illegittimita’ nel provvedimento con il quale nell’aprile dello scorso anno e’ stato disposto lo scioglimento del Consiglio comunale di Camastra (Agrigento) per ingerenze della criminalita’ organizzata.

L’ha deciso il Tar del Lazio con una sentenza con la quale ha respinto un ricorso proposto dall’ex sindaco Angelo Cascia’ e dal suo vicesindaco Vincenzo Urso. I fatti che portarono allo scioglimento del Comune segnarono come punto d’inizio un provvedimento cautelare emesso nel 2016 dalla Dda di Palermo nei confronti di alcuni esponenti della malavita locale; in seguito a questo, la Prefettura ritenne la sussistenza di legami tra gli amministratori locali e la malavita locale, dando cosi’ avvio alla procedura di nomina della Commissione straordinaria per la gestione dell’Ente.

Ricordando come “lo scioglimento del Consiglio comunale prescinde dall’accertamento di responsabilita’ di singoli soggetti”, il Tar ha segnalato come a suo avviso “non possono assumere rilevanza nel presente giudizio gli esiti dei giudizi richiamati dai ricorrenti, di cui peraltro non risulta il passaggio in giudicato”; piuttosto “e’ l’aspetto ambientale nel suo complesso ad assumere rilevanza ed e’ emerso che sussisteva una organizzazione malavitosa locale che aveva interesse, anche solo per influenzare i cittadini e mostrare il proprio potere di dominio potenziale, a mostrare di sostenere una certa parte politica in prossimita’ delle consultazioni elettorali”.

Per i giudici, tutti i fatti indicati e valutati consentono “di ritenere sufficiente il ‘quadro di insieme’ che deve caratterizzare i presupposti per lo scioglimento”. La conclusione e’ che “diversamente da quanto prospettato dai ricorrenti, i provvedimenti impugnati hanno correttamente individuato la sussistenza dei presupposti di fatto che legittimavano l’adozione del provvedimento” di scioglimento dell’Amministrazione “evidenziando, con argomentazione logica e congruente, la sussistenza di numerose circostanze fattuali, dalle quali si e’ logicamente dedotta l’esistenza del ‘condizionamento’ in atto”.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata