Notizie | Commenti | E-mail / 22:05
                    






Caso Napolitano, intercettazioni: uno strumento efficace mal gestito

Scritto da il 31 agosto 2012, alle 08:37 | archiviato in Costume e società, Eventi, marenero, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sembra essere caduto nella rete delle intercettazioni. Il settimanale Panorama le avrebbe rese pubbliche, ma arriva immediata la smentita del Quirinale, che parla di false rivelazioni. Di certo questo è il momento meno opportuno per minare anche la credibilità del Colle, proprio quando il nostro Paese stava recuperando la stima internazionale. Questo non significa che il presidente debba godere di qualche legge speciale che lo protegga dalle intercettazioni, tuttavia il senso di opportunità dovrebbe suggerirci che delegittimare la prima carica istituzionale, in piena crisi economica, è come farsi un autogol.

Negli ultimi anni le intercettazioni sono divenute un’arma nelle mani di taluni giornalisti, che di volta in volta utilizzavano per denigrare il rivale politico di turno. Forse è giunto il momento di mettere ordine, senza rinunciare all’utilissimo strumento rappresentato dalle intercettazioni, ma creando delle regole di condotta ad hoc per i giornali, che impedisca di renderle pubbliche, a seconda del vento politico che spira. Quantomeno attendere che le inchieste giudiziarie inerenti siano concluse, prima di rendere pubbliche conversazioni private spesso incomplete e per nulla inerenti al procedimento investigativo in corso.

Nessun limite, quindi, deve essere posto alle intercettazioni, e nessuna carica istituzionale dovrebbe godere di trattamenti particolari. Tutti i personaggi politici devono essere coscienti che nel momento in cui agiscono nel loro interesse e non per quello nazionale, potranno essere sottoposti a indagini che prevedano anche l’uso di questo dispositivo d’investigazione. Tuttavia una dose di buonsenso e delle regole adeguatamente pianificate, potrebbero impedire la diffamazione di un individuo prima che sia accertata la sua eventuale responsabilità giudiziaria.

Fabrizio Vinci

http://ilmarenero.blogspot.it/



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata