Notizie | Commenti | E-mail / 03:47
                    










Sicilia, isola dimora di Eolo, dio dei venti che da Zeus ricevette il compito di controllare e isola dell’eolico e di chi la governa

Scritto da il 8 agosto 2014, alle 06:41 | archiviato in Eventi, oggi mi piace pensare a, Photo Gallery, Scienze e tecnologie. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

eolico-in-mareAustro da sud, Borea da nord, Euro da est, Zefiro da ovest soffiano e soffiano e soffiano e soltanto Eolo, il Dio dei Venti li sa domare.

Ne sa qualcosa l’uomo più coraggioso, intelligente, astuto e arguto dell’antica Grecia, Ulisse, che da lui li ricevette in dono dentro un otre di pelle per navigare, ma li disperse e, scatenando una tempesta impetuosa e violenta, fu costretto a continuare a viaggiare.

Se chiudo gli occhi lo vedo e lo sento il colore del vento… dorato, dorato come la terra d’estate, terra mia, terra di Sicilia, lungo il viaggio che da Palermo mi porta ad Agrigento, e le vedo le pale eoliche lungo i crinali, girare, girare alte alla ricerca del vento come i girasoli alla ricerca del sole.

Gli occhi riposano tra natura e tecnologia. E la mente vaga… libera.

Ma è notizia di questi giorni, il nostro governatore prova a disciplinare l’installazione degli impianti che sfruttano l’energia del vento con una proposta di legge che introduce divieti per impianti superiori a 200 kW nelle zone dove sono presenti vincoli paesaggistici, idrogeologici ed ambientali, e per gli impianti offshore, cioè gli impianti eolici installati nel mare.

Ed  è bufera nel mondo delle energie rinnovabili; l’energia eolica una delle forze della natura più anticamente sfruttata.

Con la navigazione a vela prima e i mulini a vento dopo l’uomo sfrutta già da migliaia di anni l’energia cinetica del vento. La produzione di energia elettrica da energia eolica  si è sviluppata però da pochi decenni,tra il 1920 e il 1930.

Già nel 1887 fu costruito il primo aerogeneratore europeo, il moderno mulino a vento, dal francese Duc de La Peltrie, destinato alla produzione di energia elettrica per l’industria. L’interesse per le fonti energetiche rinnovabili e quindi dell’eolico arriva dopo la crisi del petrolio nel 1973 ed il 1994 è l’anno in cui la produzione di energia eolica inizia ad avere peso nel bilancio energetico della nostra nazione.

1.054 impianti eolici risultano installati alla fine del 2012 in Italia, e la Sicilia è la quarta regione con 92 impianti,  la seconda per potenza efficiente lorda prodotta, il 21,5 % della potenza eolica nazionale.

Il vento con la sua energia cinetica muove le pale dell’elica, collegate ad un generatore, e le fa girare; il generatore trasforma così l’energia meccanica dovuta alla rotazione delle pale in energia elettrica. L’aerogeneratore che più viene utilizzato negli impianti eolici è realizzato con torri di acciaio  alte tra i 60 e i 100 metri, e  due o tre pale lunghe circa 20 metri; imbriglia e accoglie il vento generando potenze di circa 600 kW, sufficienti per il fabbisogno elettrico giornaliero di circa 500 famiglie.

Ed io vorrei essere libera di galoppare e col vento navigare. Allora devo tornare alle mie perizie giurate, alle mie ultimazioni di lavori, mappe catastali e richieste rilasci di abitabilità, perché… perché siamo in mare e dobbiamo continuare a viaggiare.

Ing. Daniela Mirotta



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata