Notizie | Commenti | E-mail / 13:09
                    






Sicilia, i No Muos di Niscemi tornano all’attacco: “Gli Stati Uniti non rispettano il Tar”

Scritto da il 6 marzo 2015, alle 01:34 | archiviato in Ambiente, Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

l43-muos-121119165216_big“La marina Usa sta contravvenendo alla sentenza di un tribunale italiano, che ha stabilito l’illegittimità dell’installazione per mancanza di autorizzazioni. Nonostante l’ufficio stampa della base di Sigonella abbia comunicato che ogni azione avviene nel pieno rispetto della normativa italiana”. Sono sul piede di guerra gli avvocati che sostengono i No Muos nella lotta all’impianto della base statunitense di Niscemi, in provincia di Caltanissetta.

I legali fanno riferimento alla sentenza del 13 febbraio scorso, la n. 461 emessa dal Tar di Palermo e che accoglie il ricorso presentato da Comune, Legambiente e coordinamento dei comitati No Muos per fermare i lavori a Niscemi. “Pertanto in questo momento – dicono – l’installazione non può essere utilizzata per alcun tipo di attività, né di collaudo, né di monitoraggio”.

Gli avvocati hanno inviato una diffida al ministero dell’Interno, alla questura di Caltanissetta, al commissariato e ai carabinieri di Niscemi, invitandoli a far valere la sentenza del Tar. Stamane un gruppo di donne ha bloccato i cancelli che conducono al cantiere di contrada Ulmo, per impedire l’ingresso degli operai. E le donne hanno annunciato una manifestazione regionale a Niscemi per l’8 marzo.

“La sentenza – aggiungono gli avvocati – è immediatamente esecutiva, e non occorre che venga posto in essere un ordine di sospensione, come invece sostengono gli Stati Uniti, essendo tutte le amministrazioni coinvolte obbligate a dare esecuzione, in via amministrativa, alla decisione del Tar”. L’Associazione antimafie Rita Atria, inoltre, attraverso un proprio legale ha integrato le denunce presentate alla Procura di Caltagirone, con un’istanza di sequestro dell’area e con un video che proverebbe l’uso delle parabole anche dopo la sentenza del Tar.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Sicilia, i No Muos di Niscemi tornano all’attacco: “Gli Stati Uniti non rispettano il Tar””

  1. Renzo ha detto:

    Una volta ancora, la tracotanza degli Stati Uniti, irrispettosa di ogni diritto umano, si evidenzia in ogni loro atto.
    Non hanno firmato la convenzione di Kioto, non riconoscono il tribunale Internazionale de L’Aia, ma pretendono che detto tribunale giudichi tutti TRANNE LORO.
    I militari USA sono intoccabili e possono ammazzare impunemente (vedi Gallipari) e se ne infischiano delle leggi internazionali e dei diritti degli altri.
    L’Italia continua imperterrita a dimostrare il piu ampio servilismo possibile e una sudditanza vergognosa.
    Ricordo a chi lo avesse dimenticato, l’abbattimento dell’aereo su Ustica, causato da un tentativo Franco-USA di ammazzare Geddafi.
    Che fa il nostro governo? Cime al solito …. “NIENTE!”, ligio al lemma, nei confronti del popolo Italiano: NON TI CURAR DI LORO, MA GUARDA E PASSA”.
    Logico: ognuno deve curare i propri interessi e gli interessi dei politici pare che non coincidano mai con quelli dei comuni mortali e le pendici dell’Olimpo sono sbarrate con filo spinato elettrificato. Non si sa mai.
    Un consiglio a Crocetta: Perche non costruire, immediatamente a ridosso dell’impianto questionato, una colonia per bambini, dove accogliere gratuitamente i figli dei nostri politici e degli … esperti, dove possano trascorre splendide vacanze, all’ombra delle parabole, dal momento che i nostri …. esperti dicono che non c’e nessun pericolo?
    Un Sililiano arrabbiato

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata