Notizie | Commenti | E-mail / 19:37
                    




Salute: Psicofarmaci ai bambini italiani, un altro scandalo. Ritirato lo sciroppo antistaminico Nopron

Scritto da il 26 dicembre 2011, alle 06:59 | archiviato in Eventi, Photo Gallery, Salute. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il medicinale pediatrico commercializzato solamente in Italia e in Francia, è stato per molti genitori il salva notte dei “bambini-giamburrasca”. L’appello – proposta dello “Sportello dei Diritti” sull’etichette dei farmaci: inserire per legge il riquadro nero sulle confezioni di medicinali, come quello adottato per le sigarette, per evidenziare gli effetti collaterali più pericolosi.

Nopron, un nome che ai più è sconosciuto ma che tante mamme conoscono bene perché il famigerato medicinale salvanotte per i più piccoli è stato per diverso tempo il più noto rimedio chimico per rendere meno “vivaci” le notti insonni dei bambini e quindi per far passarne di più tranquille anche i genitori.

Eppure gli effetti negativi erano conosciuti e tra questi una sorta di effetto paradosso alla sospensione, misurato da un’eccitazione maggiore nei bambini o una sonnolenza diurna oltre a debolezza muscolare o tremore.

Dopo che in Italia le prescrizioni sono aumentate del 280% negli ultimi cinque anni, accade che il Nopron viene ritirato dal commercio a partire dal 2 gennaio 2012 in conseguenza della sospensione delle autorizzazioni dei Laboratoires Genopharm – Francia e dell’officina di produzione Alkopharm Blois, nonché del suo ritiro dal commercio. Il Nopron sciroppo era in commercio solamente in Italia e in Francia.

Dei lotti di numerosi medicinali delle predette Aziende, disposti dall’Agenzia regolatoria francese con comunicazione sul proprio sito (www.afssaps.fr) del 20 dicembre u.s., l’Agenzia italiana del Farmaco ha comunicato che dal 21 dicembre non vengono più rilasciate autorizzazioni all’importazione per il medicinale Nopron Enfant 15 mg/5ml 150ml né per altri farmaci delle aziende coinvolte dal citato provvedimento.

Ancora una volta, per Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” ci si accorge con estremo ritardo di quanto siano sottovalutati pericolosi effetti collaterali di non pochi farmaci ed in particolare degli psicofarmaci somministrati ai bambini, anche perché dietro a queste storie di lobbies ci sono i più piccoli e le loro famiglie. E sono tanti, tantissimi. Si pensi che secondo uno studio del “Mario Negri” pubblicato su una prestigiosa rivista scientifica sono oltre 50mila i bambini italiani che già oggi assumono psicofarmaci ma il numero è certamente sottostimato. Vi è da dire, inoltre, che tali ritardi sono la conseguenza di un sistema di farmacovigilanza basato sulle segnalazioni spontanee da parte dei medici ospedalieri e di famiglia che anche molti esperti ritengono molto debole per cui molto soventemente gli effetti indesiderati sono sottostimati.

L’eccessivamente numerose prescrizioni di psicofarmaci ai bambini sono conseguenza di diagnosi affrettate e non sempre corrette da parte di medici di medicina generale e da pediatri che non hanno le necessarie competenze per compiere un passo così importante come quello di somministrare uno psicofarmaco ad un bambino, ma anche a seguito di diagnosi formulate da medici competenti come neuropsichiatri infantili e psichiatri adolescenziali, che ritengono che alla base del disturbo dei bambini ci sia un fattore biologico curabile quindi solo con i farmaci.

A tal proposito, viene quasi obbligatorio porsi una domanda: che non sia giunta l’ora d’inserire per legge sull’etichette e confezioni dei farmaci i riquadri neri come quelli adottati per le sigarette, per evidenziare gli effetti collaterali più pericolosi?



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



14 Risposte per “Salute: Psicofarmaci ai bambini italiani, un altro scandalo. Ritirato lo sciroppo antistaminico Nopron”

  1. Oliviero Bruni ha detto:

    Vorrei sapere chi è che scrive articoli come questi basati sull’incompetenza e sull’ignoranza.
    Il soggetto in questione dovrebbe andare a vedere su Medline inserendo il nome “niaprazine” che è la molecola del Nopron e vedere se la comunità scientifica internazionale ha mai riportato i suddetti effetti collaterali in un articolo.
    L’unico effetto collaterale rilevante riportato è stata una sincope (unico caso al mondo) ma legato alla doppia somministrazione del farmaco.
    La niaprazina non è uno psicofarmaco ma un derivato antistaminico che agisce sul sistema istaminergico deputato al sonno (se prendiamo un qualsiasi antistaminico ci viene sonno).
    La motivazione del ritiro del farmaco è probabilmente differente e cioè che la casa produttrice della molecola ha deciso di non produrla più per motivi economici (non rende più economicamente).
    Il Nopron ha “salvato” molte famiglie da notti insonni che hanno conseguenze deleterie sulla relazione madre-bambino e sono responsabili di abusi all’infanzia e talvolta anche di infanticidio, oltre a peggiorare la depressione post-partum.
    Per non parlare delle conseguenze sui genitori (incidenti stradali e assenteismo dal lavoro) deprivati di sonno.

    Oliviero Bruni
    Presidente International Pediatric Sleep Association
    Sapienza – Università di Roma

  2. Barbara Grandi ha detto:

    http://www.doctissimo.fr/medicament-NOPRON-ENFANT.htm
    Mi sembra che l’ignorante sia lei signor Bruni, come si può vedere dalla scheda tecnica in allegato.

  3. marina macchiaiolo ha detto:

    Concordo pienamente con il Dr Bruni.
    Se si verifca alla fonte ( AIFA e comunicato dell’agenzia regolatoria francesce http://www.afssaps.fr) il motivo della mancata autorizzazione è legata alle carenze di tipo qualitativo delle aziende produttrici Laboratoroires Genopharm e Alkopharm.Per il riscontro di carenze di tipo qualitativo è’ stata bloccata tutta la produzione farmacologica di questi laboratori . Non è un provvedimento legato al tipo di principio attivo ( che è un antistaminico!) ma contro chi lo produce.
    Tutti i farmaci hanno effetti collaterali e chi li prescrive considera i costi benefici della terapia e li descrive al paziente o alla famiglia!
    In genere chi scrive notizie non dovrebbe verificare le fonti ed attenersi ai fatti invece di distrorcere i messaggi?
    Questa è cattiva informazione.

    Dr.ssa Marina Macchiaiolo

  4. mamma elisa ha detto:

    scusate la mia ignoranza in fatto di farmaci,non ne faccio uso nemmeno per l’asma perchè paliativi e non curativi,ma come mai si usa un antistaminico per far dormire un bambino?l’antistaminico non è un “farmaco ” che serve a non starnutire prevenendo in parte un attacco d’asma? il fatto di rimbambire il bambino per fare che il marito non sia stressato sul lavoro e la mamma possa continuare a “mantenerlo in vita” (viva l’amore dei genitori che dovrebbero difendere la loro creatura),non sarebbe meglio creare campagne pubblicitarie utili,come portare fuori a fare passeggiate i bambini con qualsiasi tempo ,fa bene alla mammanel periodo post parto, attiva la circolazione,fa produrre più latte,e quindi meno stress,si sente meno sotto pressione,e socializza,rinforza naturalmente il sistema immunitario del bambino,non fate vaccini,non somministrate carne,cioccolato al bambino,e non fatele vedere oltre 30 minuti di tv al giorno!.Il problema è che stiamo rendendo questo mondo “malato dalla perfezione”,dobbiamo rientrare nei jeans di ragazzina,dopo 3 mesi dal parto al massimo,la casa deve essere perfetta,la suocera altrimenti contesta e fa notare quanto fosse brava ed organizzata ai tempi,i bambini devono avere un portfoglio all’ASILO quando questo blocca,fantasia,crescita fisica,e crea incapacità di sentirsi a proprio agio con se stessi,mina l’autostima perchè si viene giudicati già dall’asilo (la mia amica con orgoglio è sta alla premiazione di sua figlia di 5 anni come miglior disegnatrice dei 180 bimbi dell’asilo)CHE SCHIFOOOOOOOO!!!!!!! la compestizioni l’ambizione e il terrorizzare i bambini con premi o punizioni è vergognoso,come è vergognoso che i genitori si sentano orgogliosi per questo,chi si credono di essere e i maestri non sono pagati nè per giudicarci i figli nè per far copiare alla lavagna,dov’è l’isegnamento?,non dovrebbero dar loro gli strumenti per imparare da soli?,un bambino è già un pozzo di conoscenza sono spugne imparano solo guardando soprattutto da piccoli,è una felicità che rende il bambino autonomo,fiero di se stesso, e capace di destreggiarsi da grande tra mille opportunità diverse che capiteranno nella vita,un bambino felice,sano e stanco di aver giocato veramente,non davanti alla ps o nds,ha sonno e dorme bene,inoltre viene trascurato il fatto se i genitori litigano o no durante il giorno, e se semplicemente hanno preso i vermi,ai bimbi capita spesso,per troppi zuccheri,carne,troppi carboidrati,antibiotici o per aver messo in bocca oggetti sporchi!i dottori non fanno mai i test sulle feci per gli ossiuri o altri vermi,o se li fanno le feci hanno più di tre ore(e i vermi si sono liquefatti e quindi non rilevabili)che portano occhiaie,irratibilità,alitosi,insonnia e bruxismo),dopo il nopron arriva il ritalin e poi da grande abbiamo un drogato che cacciamo di casa perchè non ha saputo affrontare la vita?no,hanno sbagliato i genitori più attenti ai loro bisogni che ai suoi,e l’uso smodato di medicinali crea un drogato,ma questo lo dicevano quando c’era ancora rispetto per la vita umana!!!!!buona giornata mamma elisa.

  5. Paperinik ha detto:

    Mi spiace dottoressa Macchiaiolo,ma il nostro ex pediatra ci prescrisse il Nopron senza parlarci di controindicazioni, ne spiegarci cosa fosse,ma semplicemente come se fosse un blando sonnifero per bambini . Sono felice di non averglielo dato.
    Che poi i medici difendano la niaprazina si può capire,ma che sia giusto usarla come sonnifero……
    La userebbero come sonnifero sui loro figli ?

  6. Manuela ha detto:

    MammaElisa le tue parole offendono
    Parli senza sapere cosa dici?
    Io drogo mio figlio? Ma tu conosci mio figlio?
    Ci sei tu a casa nostra?
    Sai chi è mio figlio con o senza nopron?
    Vergognati, tu fai terrorismo!
    Passeggiate???
    Ma tu lavori??? O fai la mantenuta?
    Perché io la passeggiata cin mio figlio la posso fare solo il sabato e mio figlio non guarda la tv, la sera spegnamo giochi e abbassiamo luci.
    Mando mio figlio all’asilo perché nessun cristiano me lo può guardare e per pagare una tata dovrei prostituirmi.
    Non vaccinare mio figlio?
    Non dargli carne?
    Ma chi sei?
    Una terrorista?
    Una talebana?
    Buona notte a te che dormi e hai la ricetta magica con i tuoi figlioli

  7. Angelo ha detto:

    La verità sta in mezzo ai due estremi! Voglio dire che se ci sono casi particolari con prescrizione medica è bene poter contare sul farmaco in questione (almeno il NOPROM si conosce da anni). E’ vero pure che il medico dovrebbe consigliare/educare i genitori a trovare alternative più naturali senza ricorrere subito ai farmaci. Non possimo nascondere però la realtà di certi genitori che somministrano il NOPROM quando sono in vacanza o il sabato sera per potersi godere la libertà… Nei villaggi turistici, in occasione delle attività serali, molti genitori si portano i bambini in carrozzina preventivamente addormentati dai farmaci…

  8. Roberto ha detto:

    I Dr. lo li considero x ovvie ragioni, ma la mamma Elisa ha differenza di Sig.Manuela ha una visione molto più elevata , cara Manuela si sforzi un po di più e esca dalla sua comodità . cmq mi rifaccio al Grande Seneca .

    Roberto

  9. papà di martina ha detto:

    Sapete cosa significa andare a letto alle 2 di notte e svegliari la mattina alle 4 nelle migliori delle occasioni, solo perché vostra figlia è autistica e iper eccitata per tutti i giorni per 10 ANNI tentando la qualsiasi per farla dormire almeno 5 fottutissime ore senza darle nessun medicinale. Provatelo e poi ne riparliamo. Perché le persone che danno giudizi senza aver provato sulla propria pelle, io neanche le considero. Sapete cosa significa darle il nopron e per tre anni va a letto sempre alle 2 e si svegli alle 7 e mezza per andare a scuola tranquilla. Si piange dalla gioia. Il motivo ve lo dico io. Siccome per la mia famiglia è stato un miracolo, quando lo hanno tolto dalla farmacia x 14 euro e 50 centesimi, lo dovuto comprare in svizzera a 60 EURO a bottiglia. Capite perchè è stato tolto dal commercio?

  10. Paola mamma di Rossella ha detto:

    ha ragione il papà di Martina, la mia ha la sindrome di angelman, e in Italia ce ne sono oltre 400 casi, di varia età ma tutti accomunati da un solo problema, l’insonnia. Non dormono per niente, non si tratta di 2 ore ma un’intera notte, noi genitori, non siamo di ferro, la maggior parte di noi non ha aiuti e lavora anche, il nopron per anni è stato l’unico farmaco in grado di farli addormentare per almeno 4-5 ore e di regolare la loro ipercineticità diurna. La mia l’ha assunto dall’età di 4 anni e fino ai suoi 17 (adesso ne ha 26), poi è subentrato l’ipotiroidismo e questo mi ha salvato, perchè è diventata un po’ letargica. Ogni anno al congresso che teniamo, si parla sempre dell’assunzione di questi farmaci, adesso la maggior parte usa la melatonina, proprio in previsione della soppressione del farmaco. Sul gruppo ne abbiamo parlato ampiamente, con l’intervento dei migliori luminari in materia. Le dosi che abbiamo sempre somministrato erano inferiori a quelle prescritte in generale, effetti collaterali (ipereccitabilità diurna nonostante l’assunzione) non ce ne sono stati per niente, ad eccezione di un solo caso, ma che era affetto anche da un’altra patologia, oltre a quella angelman. Il farmaco è stato sospeso perchè a causa di costi troppi elevati per produrre il principio attivo, le case farmaceutiche non hanno voluto più produrlo, era rimasta solo la casa farmaceutica francese, che ci aveva già avvisato, che al termine delle scorte, il prodotto non sarebbe stato più in commercio. Si devono vergognare, quei genitori che lo davano solo per puro egoismo (come i casi citati da Angelo). La maggior parte di noi, prima di farlo assumere, abbiamo provato di tutto e di più, qualsiasi espediente, pur di non iniziare a dare farmaci del genere, purtroppo…non c’è stato niente da fare, prima o poi si ricorre a quelli, perchè anche per loro, stare 24h su 24 in ipercineticità, li far stare male fisicamente, inoltre, ciò non li fa andare avanti cognitivamente, perchè i tempi di attenzione si riducono a pochissimi minuti al giorno. Perciò…prima di puntare il dito…pensateci bene. Ultimamente il genitore di un ragazzo affetto da questa sindrome, una notte ha strangolato il figlio, perchè non ce la faceva proprio più, il ragazzo era affetto da questa sindrome ed aveva 39 anni. Leggetevi su internet cosa comporta questa patologia, così capirete.

  11. claudia ha detto:

    cara Paola mamma di Rossella hai perfettamente ragione anche io ho una bambina con problemi ed il nopron ci ha salvato ,ma adesso cosa si puo’ fare ,non si puo’ prendere neanche piu’ in Francia?

  12. Paola mamma di Rossella ha detto:

    Purtroppo no, Claudia, mettiamoci una pietra sopra, la melatonina è un ottimo sostituto, se ne sta parlando da molto tempo ed ad ogni congresso che teniamo. Se c’è qualcuno in famiglia iscritto a facebook, entrate in questo gruppo aperto.
    http://www.facebook.com/groups/224367630965901/

  13. Sandra ha detto:

    Anche io voglio dire qualcosa alla cara mamma Elisa,sono la mamma di una ragazza di28anni autistica, che per anni la sera quando andavamo a dormire pregavo di poter dormire qualche ora, (ma non solo perché mia figlia stava sveglia, ma urla e agitazione solo che ha provato può capire),il no pron. Per noi e’ stato un vero miracolo e, da sabato che ho scoperto che dall’11 gennaio 2012anche in Francia il Nopron non si trova piu’ sono disperata. Visto che lei si crede brava si ricordi che e’ stata solo molto fortunata. Deve sapere che sono 7 anni che con molto sacrificio , molte notti insonni, e molti soldi siamo riusciti a sospendere gli pscicofarmaciPer chi pensa che la melatonina sia un sostituto deve dire che prima

    del Nopron davo a mia figlia 2 pasticche di melatonina tutte le sere, ma dopo poco
    tempo non ha piu’ funzionato, spero molto che sia trovato velocemente un sostituto.

  14. emiliano rocchetti ha detto:

    sedare un bambino e’ davvero il controsenso piu’ raccapricciante che abbia mai udito…..a parte malattie davvero particolari , vergognatevi davvero tutti !!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata