Notizie | Commenti | E-mail / 07:13
                    








Maratona, titolo regionale per l’Atletica Canicattì a Ragusa

Scritto da il 31 gennaio 2020, alle 06:50 | archiviato in Altri sport, Atletica, Photo Gallery, Sport. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il 26 Gennaio si è corsa nello spettacolare scenario paesaggistico monumentale di Ragusa, la Maratona valida anche come campionato regionale di specialita’ 2020 e mezza  maratona.
L’ ATLETICA CANICATTÌ schierava ai blocchi di partenza alcuni dei migliori specialisti, ottenendo un titolo regionale della cat. SM 60 con il veterano Antonio Sgammeglia con il tempo di 3h e 13 minuti; un’altra  buonissima prestazione cronometrica del coriaceo atleta Angelo Gloria è degna di rilievo.  Grande la maratona completata da Lillo Lo Giudice che riesce a migliorarsi di ben 12 minuti sulla distanza olimpica e ciliegina sulla torta è il grande esordio sempre in Maratona di Stefano Dolce che nonostante i crampi verso il 40° km, mette in cassa questo risultato. Ragusa come detto prima non è stata solo maratona ma anche mezza, anche in questa specialità grossi i risultati ottenuti da Rino Restivo veterano nella distanza che ha abbassato il suo Personal Best da 1h45  a 1h e 38 ben 7 minuti in meno, accompagnato per tutto il tragitto dal neo presidente Rosario Lo Verme. Dulcis in fundo, una delle coppie della corsa dell’atletica Canicattì,
Maria Luisa Di Bella e Francesco Fazio  concludevano la mezza migliorando i loro tempi e mettendo in programma altri obiettivi. All’ippodromo di Ozieri in Sardegna il 19 Gennaio si sono svolti i campionati regionali assoluti di corsa campestre, buon 6° posto per Maurizio Lalicata che fa conoscere anche li l’associazione di Canicatti’. Sempre il 19 Gennaio a Belpasso al campionato regionale assoluti siciliano, ottimo 7° posto raggiunto dalla compagine composta dall’intramontabile Boumalik Abdelkrim, il neo acquisto Mahamed SAID Mahamed Aman e l’inesauribile Peppe Giarratana.
Soddisfatto il coach Maurizio Lalicata per i risultati ottenuti da tutti ed aggiunge che è vero che si corre per puro divertimento, ma nel momento in cui si decide di affiliare un’associazione ad una federazione sportiva come la FIDAL, è gratificante ottenere qualche soddisfazione, altrimenti si potrebbe benissimo fare a meno di partecipare alle gare ed allenarsi senza partecipare alle competizioni agonistiche.


loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



7 Risposte per “Maratona, titolo regionale per l’Atletica Canicattì a Ragusa”

  1. Amatore ha detto:

    In effetti siete tutti dei campioni, sportivi veri, uno più forte dell’altro. Risultati tutto sensazionali. Continuate cosi, andrete lontano.
    O no?

  2. Quando ti dicono che non puoi farcela, ti stanno mostrando i loro limiti. Non i tuoi.. ha detto:

    Complimenti sinceri ad Antonio Sgammeglia per i suoi risultati da grande campione. Un VERO campione soprattutto di umiltà e modestia, speriamo possa contaminare sempre piu amatori del suo entusiasmo, della sua voglia di correre e divertirsi.

    MI fanno specie le parole del coach La Licata, un invito ai non performanti di rinunciare alle gare ufficiali organizzate dalla Fidal.

    Forse dimentica che il movimento della Fidal esalta nella sua CARTA ETICA l’aspetto ludico e ricreativo dello sport, basato sul concetto di integrazione e sostenibilità e naturalmente sul RISPETTO. La stessa carta Etica indica le prerogative degli allenatori, invito alla lettura.

    A Canicatti il mondo dello sport si sta muovendo, a velocità diverse ma si muove. Stanno germogliando, in totale autonomia, piccole collettività di sportivi, di ogni età, cultura ed estrazione sociale. Si stanno riunendo insieme, disseppellendo limiti e desideri per troppo tempo sepolti, nel tempio della prestazione.

    Un allenatore serio dovrebbe imparare a coniugare il verbo della partecipazione, della condivisione, della relazione e certamente dovrebbe gioire del senso della sfida, personale e collettiva, di partire innanzitutto e poi arrivare, ognuno a modo proprio, oltre quella linea, la propria linea di traguardo, oltre il proprio limite. Un coach serio dovrebbe imparare a sorprendersi di fronte alla grandezza delle sfide ordinarie, di chi ha deciso di esserci e godersela fino in fondo.

  3. Maurizio Lalicata il coach ha detto:

    Premesso che come dice un vecchio proverbio, la lingua batte dove il dente duole e a questo punto credo faccia molto ma molto male questo dente; premesso questo e che quindi dice da dove arriva la critica diretta a me, carissimi amatore e compagno, io non mi nascondo vigliaccamente nell’anonimato quando esprimo un pensiero un concetto ect.ect. se sono sicuro che ciò che sostengo si regga. Questo è già la firma di chi si nasconda nell’ennesima provocazione, tant’è che non vi degno di risposta. Sappiate che la gente sa, capisce molto più di quanto pensiate, è inutile continuare con questa campagna diffamatoria, denigrante che va ormai avanti da tempo, basta no? Ancora una volta “buona vita”.

  4. Angelo gloria ha detto:

    Mi dispiace leggere commenti del genere dietro l’anonimato. Visto che nell’articolo sono citato anch’io, mi ha dato molto fastidio. Io non vado forte, non sono un campione, e corro solo per stare bene e divertirmi. Comunque, Il risultato è la diretta conseguenza dell’agonismo. Perché criticare chi desidera il massimo risultato dalla prestazione sportiva? Forse Maurizio non si è espresso nel modo migliore, ma vi posso assicurare che nell’ASD Atletica Canicattì, l’aspetto ludico sportivo è prevalente. E penso sappiate che la maggior corre solo per divertimento. Saluti. P.S. io firmo. Angelo Gloria

  5. Amante della corsa ha detto:

    L’anonimato è garantista, ci piace. Equalizza, e dovrebbe aiutare a mettere a fuoco le idee espresse. Il problema è anche questo. Persone piccole parlano di cose, persone e menti medie parlano di persone, grandi menti parlano di pensieri e concetti.
    Coch, lascia perdere chi scrive cosa, non pensare al colpevole, soffermati sui concetti. Non guardare al dito, guarda la luna. E sii orgoglioso: si dice te un gran bene. Sei il fondatore di due squadre di atletica…

  6. Ray c. ha detto:

    Lasciamo da parte le polemiche, la città e la gente hanno bisogno d’altro, pensiamo a muoverci e a correre (a qualunque velocità) e viva lo sport e l’amicizia!
    Lamps

  7. Maurizio Lalicata il coach ha detto:

    Amante della corsa, l’anonimato è semplicemente vigliaccheria (punti di vista). Del bene di certi soggetti, ne faccio volentieri a meno. Come dice Ray, poche polemiche ed io aggiungo: più km di corsa e più attività fisica extracorsa (a buon intenditor poche parole), serve a dissipare le frustrazioni e tanto altro

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata