Notizie | Commenti | E-mail / 02:22
                    








Attaccati alla poltrona mentre la nave affonda ?

Scritto da il 7 maggio 2012, alle 14:58 | archiviato in Canicattì eventi, Eventi, Finanza e dintorni, Rubriche. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

I ministri economici del governo Monti sono coscienti del fatto che le misure di rigore economico ed il pesante prelievo fiscale al quale è stato sottoposto il popolo italiano sta provocando nella opinione pubblica italiana un vero e proprio senso di schifo verso coloro che hanno precise responsabilità per il disastro nel quale ci troviamo?

Io ritengo di si. Ma allora occorre fare presto al fine di evitare degenerazioni di carattere sociale.

Ci aspettiamo da parte del governo delle immediate ed urgenti misure per far ripartire l’economia creando i giusti presupposti per favorire gli investimenti e, quindi, l’occupazione e lo sviluppo.

Bisogna trovare il denaro per sostenere chi non ha un lavoro o chi l’aveva e lo ha perduto. Questa è la priorità assoluta e questo denaro deve provenire, innanzi tutto, dalla lotta alle ruberie ed agli sprechi perpetrati in molti settori della vita sociale oltre che dalla lotta alla grande evasione fiscale dei soliti “furbetti del quartierino”. Non è più concepibile che a pagare sia ancora la povera gente. Lo stato avvii subito le misure, quanto meno per il parziale pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione verso le imprese per dare una boccata di ossigeno e, quindi, evitare ulteriori licenziamenti e favorire le assunzioni.

Cresce la disperazione ed il numero di coloro che perdono la speranza di farcela, ed è pazzesco pensare che mentre la gente arriva a togliersi la vita per ragioni economiche, c’è una larga parte della così detta “classe dirigente”, che continua ad utilizzare la cosa pubblica o le aziende di rilevanza pubblica come un feudo personale, attaccati alle poltrone come le cozze allo scoglio.

E’ riduttivo e fuorviante pensare di liquidare le proteste e la rabbia manifestata da molti cittadini, anche mediante movimenti come quello “ Cinque Stelle “ di Beppe Grillo, definendole derive populistiche che concretamente non propongono soluzioni ai problemi.

Io sarei molto più cauto e guarderei a questi movimenti con grande interesse, quando meno per la voglia di partecipazione e per la presa di coscienza di molti aderenti.

La situazione del paese è veramente critica e non possiamo più permetterci di affidare le sorti della nostra esistenza alle solite facce toste che si presentano ancora una volta al nostro cospetto con l’aria di chi sta arrivando solo adesso e si propone come salvatore della patria (magari dando un nuovo nome al partito).

Ma diciamocela tutta. Quanti di questi signori hanno avuto consenso per stima vera, per professionalità o per le riconosciute capacità di risolvere problemi? O forse il così basso livello della nostra classe politica nasce dalla consapevolezza di parecchi cittadini, specie al sud, che al di là della stimabilità e della moralità dei nostri politici, se si vuole avere speranza di risolvere qualche problema devi rivolgerti al politico “giusto”. Questo atteggiamento discutibile ha contribuito a creare i presupposti del disastro nel quale tutti ci troviamo. Ma adesso non è importante continuare a parlare degli errori fatti e di scelte egoistiche, mentre ritengo opportuno riconoscere l’errore ma non continuare a sbagliare, non ce lo possiamo più permettere.

E allora cominciamo con il dire che chi ha fallito, chi ha rubato o visto rubare senza intervenire non è degno di rappresentarci. Non facciamoci più prendere in giro da nessuno, specie da coloro i quali sono particolarmente furbi e capaci nel manipolare il consenso. Smettiamola di consegnare il nostro futuro nelle mani di mediocri che da decenni utilizzano il potere prevalentemente a fini personali mettendo a repentaglio le nostre sorti e quelle dei nostri figli. Costoro ci diranno che non sono disposti a lasciare la poltrona sino a quando saranno democraticamente eletti. Democraticamente? “ Ma mi facciano il piacere ! direbbe il Principe De Curtis “. Sappiamo bene che il consenso estorto con mezzucci non è vero consenso ma gestione del potere per il potere, ma quando questo finirà, e prima o poi finirà, a costoro viene riservata una grande punizione, la solitudine. La nave affonda e molti preferiscono affondare con la nave anziché uscire di scena compiendo, almeno in ultima istanza, un gesto dignitoso.

Provate a pensare qualcuno che conoscete e che in qualche modo esercita potere. Provate a vederlo fuori dal ruolo di potere rivestito per parecchi anni. Chiedetevi che valore sociale avrebbe senza quella “poltrona”. Sapete perché sono così tanto attaccati alle poltrone? Perché hanno paura, perché non è gente che può farne a meno, non è gente che sa mettersi in discussione rischiando in proprio ma preferisce rischiare sulla pelle degli altri. Ma ricordiamolo a tutti. Prima o poi arriva il giudizio degli uomini e, per chi ci crede, quello di Dio.

di Vincenzo Racalbuto



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Attaccati alla poltrona mentre la nave affonda ?”

  1. Ultimissima ha detto:

    EconomiaPercorso:ANSA.it > Economia > News
    Gdf al Monte Paschi, ipotesi di aggiotaggio
    Una cinquantina di finanzieri si sono presentati all’apertura
    09 maggio, 11:54

    FIRENZE – Una cinquantina di finanzieri si sono presentati questa mattina, prima dell’apertura degli uffici, a Rocca Salimbeni, sede di Banca Monte dei Paschi di Siena. Secondo quanto si e’ appreso, dopo aver chiesto a tutti i dipendenti in arrivo l’ufficio di appartenenza, gli uomini della Gdf si sarebbero spostati negli uffici finanziari.

    L’inchiesta della procura di Siena, che questa mattina ha determinato l’accesso della Guardia di finanza nella sede del Monte dei Paschi riguarda presunti reati di aggiotaggio e ostacolo agli organi di Vigilanza. L’apprende l’Ansa da fonti contattate a Siena.

    INCHIESTA SU ACQUISIZIONE ANTONVENETA – L’acquisizione di Antonveneta avvenuta da parte del Monte dei Paschi nel 2008. E’ questo il motivo, secondo quanto si apprende, che ha portato questa mattina ad un blitz della Gdf negli uffici della banca toscana. L’inchiesta è coordinata dalla Procura di Siena.

    BLITZ FINANZA DISPOSTO DA PROCURA SIENA – L’accesso della Guardia di finanza nella sede del Monte dei Paschi e’ stato disposto dalla Procura della Repubblica di Siena che ha ordinato una serie molto estesa di perquisizioni, sia in uffici di istituti di credito collegati, sia nelle abitazioni di alcuni dirigenti della banca. Sulla vicenda vi e’ per il momento un rigoroso riserbo da parte degli investigatori. Stanno operando finanzieri del nucleo di polizia valutaria e del comando provinciale di Siena.

    STOP IN BORSA (-5,1%) DOPO INDAGINI PROCURA SIENA – Mps viene sospesa in Borsa dopo la notizia delle indagini della Procura di Siena. Il titolo è entrato in asta di volatilità per eccesso di ribasso e segna un calo teorico del 5,10% a 0,23 euro.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata