Notizie | Commenti | E-mail / 09:10
                    








La gestione della politica monetaria

Scritto da il 6 giugno 2014, alle 06:50 | archiviato in Economia, Eventi, Non Solo Fisco, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

IMG_2303Una domanda che spesso ci si pone è: da dove viene la moneta che circola nel sistema economico?

Per cominciare è opportuno definire cosa si intende per moneta.

La moneta (indicata con la lettera M) è composta dai depositi bancari (D) e dal circolante (C), che a sua volta è costituito dalle banconote e dalle monete metalliche, da cui:

M = C + D.

Mentre il circolante è emesso dalla Banca Centrale, i depositi sono emessi dalle banche.

Tuttavia la banca centrale è in grado di controllare tutta la quantità di moneta presente nel sistema economico, mediante il cosiddetto “moltiplicatore monetario”. Infatti, le banche, a fronte dei depositi che emettono a favore della clientela, detengono presso la banca centrale depositi denominati “Riserve bancarie” (R). Queste sono detenute dalle banche sia a seguito di un obbligo specifico (la riserva obbligatoria), sia volontariamente per far fronte ad improvvise necessità di risorse liquide e per gestire i pagamenti.

La banca centrale non controlla solo la quantità di moneta, ma anche i tassi di interesse. Essa controlla direttamente una variabile identificata con il tasso d’ interesse sulla scadenza più breve possibile, ossia “il tasso overnight” (il tasso sui prestiti interbancari della durata di un giorno).

In sintesi, la Banca centrale è in grado di controllare la quantità di moneta presente nel sistema economico e il livello generale dei tassi d’ interesse. Tuttavia queste due variabili non sono indipendenti l’ una dall’ altra: il tasso d’ interesse dipende in modo cruciale dalla quantità di moneta immessa nel sistema; per cui, la banca centrale non può avere sia un obiettivo di quantità di moneta sia un obiettivo di tasso d’ interesse, decisi indipendentemente l’ uno dall’ altro.

Gli obiettivi finali della politica monetaria sono tipicamente due: Stabilità dei prezzi (quindi mantenimento del tasso d’ inflazione su livelli contenuti) e stabilizzazione delle fluttuazioni cicliche dell’ economia.

Calogero Gallo

Dottore Commercialista



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata